Cena al buio: una nuova esperienza sensoriale

Cena al buio: una nuova esperienza sensoriale

Cena al buio: una nuova esperienza sensoriale

chiudi

Negli ultimi anni ha iniziato a diffondersi la moda dalla cena al buio: un’esperienza sensoriale che consiste nel mangiare al buio

La cena al buio è una vera e propria degustazione culinaria che si svolge in un ambiente completamente oscurato. E’ esperienza sensoriale molto popolare al momento che prima incuriosisce, poi stupisce e infine affascina. I commensali, temporaneamente privati della vista, vedono amplificate le proprie percezioni sensoriali. Il gusto, il tatto, l’udito e l’olfatto sono infatti valorizzati e tutte le attività vengono percepite in modo nuovo e inaudito. Ogni dettaglio è studiato attentamente per esaltare sensazioni ed emozioni.

La cena al buio lancia una sfida: provare a riscattare la forza di tutti i sensi a parte la vista

Il personale in sala è l’unica guida. Sono loro infatti che spiegheranno come riconoscere gli oggetti sulla tavola, e daranno utili suggerimenti.

Spiegare le sensazioni che si possono provare è molto difficile. Ogni volta ognuno dei partecipanti vive e descrive una storia differente.

Solo una quindicina di anni fa, un ristorante di Berlino inizia a dedicare serate in cui i clienti cenano avvolti nell’oscurità.

In poco tempo questo tipo di cene, grazie al successo ottenuto e alla curiosità suscitata, si diffondono in altri paesi d’Europa e in tutto il mondo.

A Parigi viene aperto Le Gout du noir, dove la formula del ristorante berlinese assume una variazione. Il passaggio dalla luce all’oscurità viene infatti reso meno brusco grazie ad una sala intermedia dove, a luci soffuse, i camerieri servono gli aperitivi.

A Zurigo, invece, il ristorante Blindekuh aggiunge una nuova finalità, quella sociale. Le cene vengono organizzate attorno alla volontà di sensibilizzare sui disagi dei non vedenti.

Alla fine le cene nel buio sbarcano anche in Italia: città come Milano, Roma e Venezia, ma anche Verona, Modena e Pavia, ospitano quello che ormai è divenuto un vero e proprio evento di sensibilizzazione e grande intensità.