Quando l’unione di due foto da vita all’arte: Stephen Mcmennamy