Alchechengi: proprietà, ricette e benefici della bacca commestibile

L’alkekengi o alchechengi è una pianta di origine europea e asiatica, che produce delle piccole bacche commestibili di colore giallo o arancione.

Oggi andiamo alla scoperta dell’alchechengi, un frutto giallo o arancione che appartiene alla famiglia delle Solanaceae, proprio come il pomodoro. Questa piccola bacca acidula viene prodotta dalla Physalis alkekengi, una pianta che ha origini sia in Europa che in Asia, e il suo nome deriva dalla parola al-kakang, che significa lanterna cinese. Infatti i frutti sono ricoperti da sottili foglie a forma di calice che ricordano proprio le celebri lanterne cinesi.

All’interno di queste foglie, che alla vista sembrano quasi fatte di carta velina, si trova il frutto, una pallina che assume tonalità che vanno dal giallo all’arancione scuro. Si può mangiare al naturale o utilizzare per numerose ricette, specialmente per dessert e dolci particolari. Andiamo a scoprirne di più!

Alchechengi: proprietà e benefici

Oltre ad essere molto particolari per il loro gusto e la loro consistenza, gli alchechengi sono ricchi di proprietà e benefici per il nostro organismo. Questi frutti, infatti, sono ricchi di vitamine, in particolar modo del gruppo C, e per questo forniscono al corpo energia e lo aiutano a combattere influenze e raffreddori.

Oltre a questo, gli alchechengi sono anche portatori di altri benefici, fra cui effetti depurativi e diuretici. Inoltre, aiutano il sistema immunitario e sono un ottimo rimedio alla ritenzione idrica.

alchechengi
FONTE FOTO: https://it.pinterest.com/pin/229050331031541322/

Alchechengi: ricette e usi in cucina

Questo frutto viene consumato principalmente durante le feste natalizie alla fine dei pasti, poiché il suo gusto acidulo è l’ideale per sgrassare la bocca. Ma se, oltre a gustare gli alchechengi al naturale, volete scoprire alcune ricette sfiziose, potete provare ad impiegarlo per preparare degli originali dolci fatti in casa.

Una ricetta molto veloce è quella degli alchechengi al cioccolato. Non dovete far altro che far fondere a bagnomaria del cioccolato fondente con un cucchiaio di burro, immergere gli alchechengi e farli riposare in frigo o in freezer. Se, invece, siete in cerca di qualcosa di più elaborato, un altro modo per gustare al meglio questi frutti particolari è quello di realizzare una confettura, con cui potrete anche farcire torte o dessert al cucchiaio.

Insomma, con questo frutto delizioso non dovete far altro che scatenare la fantasia!

FONTE FOTO: https://it.pinterest.com/pin/229050331031541322/

Non perderti le altre golose ricette di Primo Chef, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 30-12-2017

Lorenzo Martinotti

X