Creme caramel

Il creme caramel, anche se molto conosciuto, è ancora un dolce d’effetto e piacevolissimo da gustare a fine pasto.

Il creme caramel è un dolce al cucchiaio di origine portoghese, ed è infatti noto anche con il nome di latte alla portoghese. Come suggerisce creme caramel, di chiara provenienza francese, il dolce si è ormai diffuso in Europa. Gli ingredienti sono pochi ed essenziali, ma il gusto è incredibile, e per colore e consistenza è anche scenografico in tavola. È comodo perché può essere preparato in anticipo, da togliere poi dagli stampini solo un attimo prima di essere portato in tavola. Può anche essere preparato per molte persone senza che cresca la sua difficoltà di preparazione. Può essere preparato anche in uno stampo grande, e quindi tagliato a fette, ma per la sua consistenza vellutata, non è facile da gestire. Consigliamo di seguire la nostra versione e servirlo in monoporzioni.

DIFFICOLTÀ: 1

COTTURA: 50′

TEMPO DI PREPARAZIONE: 20′

INGREDIENTI PER IL CREME CARAMEL (6 persone)

  • 150 ml di panna
  • 500 ml di latte
  • 280 g di zucchero
  • 4 uova
  • 1 tuorlo d’uovo
  • 1 baccello di vaniglia

PREPARAZIONE DEL CREME CARAMEL

Cominciate la ricetta preparando il caramello. Versate 150 g di zucchero in un pentolino e ponetelo su un fuoco basso. Fate sciogliere lo zucchero sino al formarsi del caramello di un bel colore bruno. Non girate il caramello con cucchiai o altri attrezzi, altrimenti l’abbassamento improvviso di temperatura potrebbe formare dei grumi. Se avete necessità, facendo attenzione a non scottarvi, ruotate il pentolino.

Quando il caramello è pronto e ancora caldo, sempre con accortezza, versatelo in sei stampini monoporzione. Prima che si raffreddi, ruotate gli stampini in modo che il caramello si distribuisca uniformemente su fondo e pareti.

Per la crema, versate il latte in un altro pentolino. Incidete la bacca di vaniglia, apritela a libro, e raschiandola con un coltello estraetene i semi. Mettete i semi e la bacca di vaniglia ormai vuota all’interno del latte. Con un cucchiaio mischiate bene cercando di sciogliere il gruppo di semini. Mettete il pentolino con il latte su un fuoco medio, e spegnete al primissimo accenno di bollore. Fate raffreddare per almeno venti minuti.

Nel frattempo, sbattete le uova e il tuorlo con 130 grammi di zucchero, devono solo diventare spumose, non devono montarsi. Versate la panna nel pentolino con il latte ormai intiepidito. La panna deve essere del tipo liquido, quella che serve per fare la panna montata. Versate a filo il composto di panna e latte nella ciotola dove avete sbattuto le uova avendo cura di farlo passare per un colino. In questo modo eliminate la bacca di vaniglia ed eventuali affioramenti del latte. Mentre colate il latte, mischiate di continuo sino a ottenere un composto uova/latte uniforme e vellutato.

Preriscaldate il forno a 180°. Distribuite il composto nei sei stampini, quindi prendete una pirofila in grado di andare in forno e che possa accogliere tutti gli stampini. Mettete gli stampini nella pirofila e, facendo attenzione che non vada all’interno degli stampini, versate nella pirofila stessa dell’acqua sino a circa metà altezza degli stampini. Mettete in forno e cuocete per 45-50 minuti.

Togliete dal forno e fate raffreddare. Mettete gli stampini in frigorifero per almeno un paio d’ore. Solo al momento di servire, togliete dal frigorifero e con un coltello incidete i bordi del dolce in modo che possa staccarsi dallo stampino. Rovesciate al centro di un piatto diportata e servite.

Se volete provare un altro dolce al cucchiaio, ecco la ricetta del biancomangiare.

FOTO DA: PINTEREST

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 01-02-2017

G Boschi

X