E’ uscito il nuovo libro di Davide Paolini dal titolo Il Crepuscolo degli chef che affronta il tema del particolare rapporto tra italiani e cucina.

Nel suo nuovo libro Il crepuscolo degli Chef, uscito in libreria il 7 ottobre, l’ esperto e cultore della buona tavola Davide Paolini affronta il tema della schizofrenia tra calo dei consumi del cibo e sovraesposizione mediatica alimentare:  sono moltissimi infatti i ristoranti e i locali di questo settore che chiudono mentre dall’altra parte in tv si spettacolarizza sul cibo e sul web si parla sempre più di fashion food e food blogger. La cucina ha colonizzato internet (13 milioni di foto su Instagram, 25.000 blog, 1.000 siti web che raggiungono ogni mese oltre 35 milioni di persone) e infine l’autore parla dell’eterna lotta tra vegani e carnivori che oggi giorno è sempre più sentita.

Un rapporto complicato dunque quello tra italiani e cucina infatti quest’ultima è sempre più un tema al centro dell’attenzione mediatica.

Ecco il pensiero di Davide Paolini:

“Le trasmissioni televisive hanno moltiplicato a dismisura un vero e proprio fenomeno di -voyeurismo gastronomico, ma a un tale clamore mediatico non corrisponde un innalzamento dei consumi, basti pensare che nell’ultimo anno in Italia hanno chiuso i battenti 10.000 ristoranti. Né corrisponde, per gran parte degli italiani, un reale approfondimento della cultura gastronomica.

Il cibo è diventato altro da ciò che era e rappresentava sino a ieri: ammicca dalle vetrine di negozi e librerie, appare a tutte le ore sugli schermi televisivi, pende dai cartelloni pubblicitari, naviga in rete. Il cibo sta diventando un’ossessione, ma, come ci racconta l’autore in questo libro impietoso e divertente, la realtà appare molto diversa. Non è vero che mangiamo di più e meglio, e quella che quotidianamente in tv viene spacciata come cultura del cibo spesso è solo uno spettacolo privo di qualità.”

Fonte foto: Instagram

Il ricettario d’autunno per piatti gustosi e profumati


Autunno: i 5 cibi sani da mangiare in questa stagione

Guida Bar d’Italia 2017: ecco i premiati da Gambero Rosso