A Padova è stata presentata la Family Bag, per portare a casa il cibo avanzato dai ristoranti in modo elegante ed eco sostenibile

La famosa doggy bag va in pensione e lascia il posto alla nuova, elegante ed eco sostenibile Family Bag, presentata a padova negli scorsi giorni nell’ambito di un progetto promosso dal ministero dell’ambiente, da Unioncamere Venetoe Conai. La Family Bag non è altro che un nuovo concetto di sportina per portare a casa gli avanzi del ristorante per evitare gli sprechi: sarà costituita di materiali riciclati e riciclabile, avrà un bel design con le caratteristiche lettere FB come logo e sarà un aiuto per evitare di imbarazzarsi nel chiedere di farsi impacchettare ciò che non si è mangiato per recuperarlo il giorno dopo. Il nome stesso Family Bag, è stato pensato per fare in modo che venga percepita come un’abitudine positiva di cui non bisogna affatto vergognarsi, anzi, deve essere lo stile di vita del futuro, per un mondo migliore.

Abbassare gli sprechi

Il fenomeno delle doggy bag, o meglio, Family Bag, fortunatamente è in aumento e dovrebbe diventare un’abitudine per tutti, ristoratori e consumatori, per far sì che si evitino gli sprechi alimentari che sono ancora una delle più grandi mancanze dell’umanità degli ultimi decenni.

In Veneto, da dove parte l’iniziativa, hanno già aderito 100 ristoranti ai quali verranno recapitate le Family Bag in plastica, carta, alluminio, legno e acciaio.

Inoltre, il progetto prevede anche le creazione di una Christmas Bag, molto richiesta per i regali di Natale per avere sempre a portata di mano, un contenitore o una borsa adatta a recuperare il cibo che si è avanzato durante cenoni e pranzi vari e portarlo a casa per consumarlo nei giorni successivi.

Le iniziative ci sono, ora si deve solo riuscire a cambiare la mentalità comune di chi ancora preferisce lasciare gli avanzi piuttosto che ammettere che li porterebbe volentieri a casa per evitare di buttarli e gustarli il giorno dopo.

 

 

Family Bag
Fonte: Ansa

Il ricettario d’autunno per piatti gustosi e profumati


Foodracers: al via l’Uber del cibo

Masterchef si fa in quattro per la quinta edizione