Inizia il Pantelleria Doc Festival: 10 giorni spettacolari alla scoperta di buon vino, cibo e terme naturali. Ecco tutto quello che c’è da sapere sull’evento!

Da venerdì 31 agosto a domenica 9 settembre ci sarà il Pantelleria Doc Festival. L’evento imperdibile che ha come protagonista il vino prodotto sull’isola. Ma non solo durante la festa sarà possibile assaggiare i migliori piatti cucinati e vedere dei panorami mozzafiato.

La festa inizia in concomitanza con la raccolta dell’uva zibibbo. Ecco quali sono tutti gli eventi da non perdere durante questi dieci giorni!

Pantelleria Doc Festival 2018: tutto quello che c’è da sapere!

Il programma dell’evento rivolto al pubblico è molto vasto e offre molti appuntamenti: attività sportive all’aria aperta, visite guidate tra le distese, percorsi termali, eventi culturali e ovviamente degustazioni di vino e buon cibo.

Durante i dieci giorni di festa si potrà andare alla scoperta dell’intera isola, proprio nel periodo in concomitanza con l’inizio della vendemmia e la raccolta dell’uva zibibbo. L’uva che viene raccolta e stesa al sole, ad appassire, per fare il famoso Passito di Pantelleria, che è ottimo anche per preparare dei deliziosi dolcetti.

Ogni giorno è prevista un’attività sportiva, come trekking e giri in bicicletta per vedere le zone più suggestive. Ma è possibile anche fare gite in barca o in kayak, oltre a numerose gite nei siti archeologici.

Pantelleria Doc Festival
Fonte foto: https://www.instagram.com/dammusoishtar/

Inoltre è possibile accedere al centro benessere e alle terme naturali dell’isola, dove le acque sorgenti hanno una temperatura che va dai 39 ai 50 gradi. In più è possibile visitare le numerose cantine locali e degustare i migliori vini prodotti nella zona. Infine ogni giorno è previsto un evento per assaggiare i migliori piatti isolani, come il cous cous, l’insalata pantesca, i prodotti sott’olio, i capperi e molto altro.

Benedetto Renda, il Presidente del Consorzio vini Doc, spiega: “La manifestazione intende promuovere i vini insieme a tutto quello che di eccezionale l’isola offre. Il nostro è un territorio, scrigno di biodiversità, che si presta a essere vissuto nella sua profonda integrità, come modello produttivo storico e ad alto contenuto culturale”.

Fonte foto: https://www.instagram.com/dammusoishtar/

Il ricettario d’autunno per piatti gustosi e profumati


Robot He: il ristorante di Shangai con i robot al posto dei camerieri!

Pikkanapa 2018: il festival del peperoncino e della canapa a Jesi