Scarole stufate con capperi e olive nere

Le scarole stufate sono un contorno tipicamente invernale, leggero, salutare e facile da preparare.

chiudi

Caricamento Player...

Le scarole stufate sono un classico al sud, mentre è una verdura poco usata al nord, ma è un peccato. Il suo sapore amarognolo si sposa benissimo con le olive e la pizza di scarole o la versione napoletana della ricetta presentata qui, che vede l’aggiunta di pinoli e uvetta sultanina, sono entrambe buonissime.

DIFFICOLTÀ: 2

COTTURA: 15′

TEMPO DI PREPARAZIONE: 15′

INGREDIENTI SCAROLE STUFATE per 4 persone

  • 1 cespo di scarole
  • 50 g olive taggiasche
  • 1 cucchiaio colmo di capperi
  • 2 spicchi di aglio
  • olio extravergine di oliva
  • pepe e sale q.b.

PREPARAZIONE SCAROLE STUFATE

Pulite la scarola eliminando qualche foglia esterna più dura ed eliminando il gambo centrale. Lavate l’insalata sotto abbondante acqua corrente e, se è particolarmente terrosa, mettere le foglie per qualche minuto in acqua e bicarbonato. Poi, grondanti ancora acqua (se le avete messe nel bicarbonato prima sciacquatele) mettete le foglie in una pentola, coprite con un coperchio senza aggiungere altro, si stuferanno con l’acqua rimasta nelle foglie. Mettete sul fuoco medio-basso. Dopo qualche minuto di cottura rigirate la scarola con un forchettone e cuocete sino a che tutte le foglie si saranno ammorbidite.

Nel frattempo mettete 2 cucchiai di olio d’oliva in un’ampia padella tipo wok, aggiungete gli spicchi d’aglio e fateli dorare. Scolate la scarola senza eliminare completamente tutta l’acqua e mettetela nella padella assieme alle olive taggiasche denocciolate, i capperi precedentemente dissalati, sale e pepe. Coprite con un coperchio e fate cuocere una decina di minuti. Tre o quattro minuti prima del termine togliete il coperchio e alzate la fiamma per far consumare i liquidi in eccesso.

Prima di servire togliete gli spicchio d’aglio.

La scarola è un’ottima e leggera verdura di stagione, provatela anche cruda come in questa ricetta: “Scarola con noci caramellate“.