Smacafam per ancòi e per doman… dal Carnevale trentino

Lo smacafam è una ricca e saporita focaccia trentina  che si prepara nel periodo di carnevale.

chiudi

Caricamento Player...

Il carnevale è una delle feste che prevede il maggior numero di ricette legate a un particolare periodo dell’anno. Come sempre lungo il nostro amato stivale, ogni regione, provincia o piccolo paese ha le sue specialità culinarie e le sue tradizioni. Lo smacafam arriva dal trentino, ed è una focaccia salata a base di luganega che si prepara nel periodo di carnevale. Smacafam vuol dire “smorza fame”, e dalla ricetta è facile capire perché questa preparazione sia stata chiamata così. Il resto del sibillino titolo, “per ancòi e per doman…” è una frase idiomatica che vuole dirci quanto questa focaccia sia ottima assaporata subito o gustata il giorno dopo. La ricetta che segue è quella classica e tradizionale, ma vi suggeriamo anche qualche variante, qualora voleste cimentarvi con un piatto leggermente diverso, dipende anche da ciò che avete nella dispensa o nel frigorifero.

DIFFICOLTÀ: 1

COTTURA: 30′

TEMPO DI PREPARAZIONE: 15′

INGREDIENTI SMACAFAM per 6 persone

  • 400 g di luganega trentina
  • 400 g di farina di grano tenero
  • 650 ml di latte
  • 3 uova
  • 1 noce di burro
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

PREPARAZIONE SMACAFAM

Preriscaldate il forno a 180°. Aprite le uova in una ciotola, conditele con un pizzico di sale e di pepe e sbattetele leggermente. Setacciate la farina molto bene, evitando così il formarsi di grumi, e aggiungetela alle uova. Cominciate a impastare e aggiungete anche il latte, poco alla volta.

Continuate a lavorare l’impasto versando tutto il latte, alla fine dovete ottenere un composto fluido e, soprattutto, senza grumi. Prendete una teglia da forno, imburratene fondo e pareti, infarinatela e eliminate l’eccesso di farina. Eliminate il budello dalla luganega e fatela a piccoli tocchettini. Aggiungeteli all’impasto e mischiate bene. Versate l’impasto nella teglia.

Un’altra scuola di pensiero prevede di versare l’impasto nella teglia senza luganaga, e di aggiungere i tocchetti di luganega uno a uno sull’impasto in modo da distribuirli in modo più uniforme. A voi la scelta.

Come variante, potete usare anche lardo e/o speck, in aggiunta o in sostituzione della luganega. Alcuni fanno prima rosolare luganega, speck o lardo che sia, e solo dopo li aggiungono all’impasto. Comunque, la cottura in forno li cuoce già a sufficienza.

Ponete la teglia nel forno ben caldo e fate cuocere per trenta minuti. Trascorso il tempo sfornate e fate risposare per almeno cinque minuti. Potete servire lo smacafam tiepido o freddo.

Se volete altre idee per carnevale, ecco una carrellata delle ricette più sfiziose: Menù di carnevale tradizionale: 10 ricette golose.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!