Il sale aromatizzato è un condimento speciale, ideale per insaporire in maniera intensa svariate pietanze.

Lo si può acquistare già pronto – il sale aromatizzato saline Culcasi è una delle soluzioni più apprezzate in assoluto, prodotto di un’azienda che, da oltre 100 anni, opera nel meraviglioso contesto della Sicilia occidentale – è, in alternativa, prepararlo in casa.

Se hai voglia di metterti in gioco, nelle prossime righe puoi trovare, passo passo, gli step da seguire.

Sale all'aglio orsino

10 ricette detox per tornare in forma

Sale aromatizzato home made: come prepararlo?

Ecco cosa serve per preparare il sale aromatizzato in casa e come procedere a livello pratico.

Ingredienti

  • 500 grammi di sale fino;
  • 5 – 6 foglie di salvia;
  • un paio di rametti di rosmarino;
  • 5 – 6 rametti di origano;
  • 2 ciuffi di maggiorana;
  • 5 rametti di timo.

Svolgimento

Per preparare il sale aromatizzato in casa, è necessario dotarsi di un tritatutto (se non lo si ha già in casa, non ci sono problemi, in quanto online si trovano modelli di ottima qualità a poche decine di euro).

Si inizia prendendo tutte le erbe aromatiche, che vanno lavate e asciugate. Qualora dovessero esserci delle foglie non integre o palesemente rovinate, è il caso di toglierle. Da piante come il rosmarino, vanno tolte le parti dure.

Dopo aver raccolto in una ciotola le foglie, le si versa nel tritatutto e si aggiunge un pizzico del sale.

A questo punto, si fa partire il mixer e lo si aziona, andando avanti fino a quando non si ottiene un composto omogeneo.

Archiviato questo step, ci si procura una teglia o, in alternativa, si prende un vassoio. Si ricopre la superficie del recipiente con un foglio di carta da forno e, su quest’ultima, si versa il sale aromatizzato precedentemente preparato, cercando di spargerlo bene.

La teglia o il vassoio va poi lasciato riposare all’aria aperta per 24 ore.

Trascorso questo lasso di tempo, il sale aromatizzato va trasferito in dei barattoli di vetro, debitamente chiusi con un coperchio. Lo si può conservare tranquillamente per un anno in un luogo fresco, asciutto e pulito.

Varianti

Il bello del sale aromatizzato è la possibilità di spaziare tra numerose ricette. Quella con le erbe aromatiche che hai appena letto si presta molto bene nei casi in cui si portano in tavola piatti come le verdure al vapore.

Esistono numerose varianti a cui fare riferimento. Vediamone alcune.

Sale con la lavanda

Anche in questo caso, il processo di preparazione è molto semplice. Basta procurarsi dei fiori freschi di lavanda, avendo ovviamente cura di rimuovere, pure in questo frangente, le impurità presenti. Se lo si desidera, è possibile farli essiccare un po’ al sole, opzione consigliata per prolungare la conservazione del sale.

I fiori vanno mescolati con del sale grosso.

Per un risultato ancora più intenso dal punto di vista olfattivo e di gusto, una buona idea prevede il fatto di cuocere i fiori di lavanda per una mezz’oretta nel forno preriscaldato a 60°C.

Come gustarlo? Tra i piatti migliori troviamo il risotto alla zucca, una delle delizie più apprezzate nei mesi freddi dell’anno.

Sale con lo zenzero

Parlare di sale aromatizzato vuol dire chiamare in causa svariati ingredienti. Uno di questi è lo zenzero, un rizoma il cui sapore pungente è apprezzato da secoli e secoli. Le sue proprietà sono numerose e comprendono, per esempio, i benefici antiemetici.

Per questa variante del sale aromatizzato basta procurarsi una fetta di zenzero fresco e tritarla, per poi mescolarla con il sale grosso. Se lo si desidera, si può aggiungere anche qualche goccia di limone.

Con che piatti si sposa questo mix? Se si amano le concordanze nel gusto, lo si può aggiungere a piatti di cucina etnica come quelli indiani. Piccolo consiglio beauty: è anche un ottimo scrub!

Riproduzione riservata © 2024 - PC

ultimo aggiornamento: 06-02-2024


Quali sono le tipologie di ostriche più pregiate?

Alla scoperta del Bolgheri Rosso: tutti gli abbinamenti consigliati