Per pulire i carciofi eliminando spine e foglie dure basta seguire una procedura semplice e infallibile della nonna.

I carciofi sono degli ortaggi ricchi di proprietà benefiche per l’organismo tra cui quella di depurare fegato e intestino. La primavera è il periodo ideale per assaporarli e prepararli fritti, in pastella, con la pasta o con il risotto. Molti li amano ma la parte più odiata è la pulizia.

Se non si presta particolare attenzione le dita diventano nere e si rischia di non pulirli neanche bene. Bisogna sapere come tagliarli e quale parte eliminare. Vediamo come pulire i carciofi eliminando le spine e le altre parti in eccesso.

Come pulire i carciofi con le spine (e non) in modo perfetto

10 ricette per tenersi in forma

Pulire i carciofi
Pulire i carciofi

Prima di passare alla parte pratica per la pulizia dei carciofi è bene sottolineare che ce ne sono diverse qualità: alcune sono tendenzialmente spinose come il Masedu sardo, il carciofo veneto di Chioggia o lo spinoso di Sicilia. Si tratta di carciofi dal colore verde acceso, dalla forma allungata e con la caratteristica appunto di avere le foglie esterne piene di spine. Ci sono poi anche dei carciofi che in realtà non hanno le spine, primo tra tutti il carciofo romanesco caratterizzato dalla forma molto più sferica e dal colore che parte dal verde e passa al viola.

Ora che abbiamo fatto i dovuti chiarimenti possiamo passare al vivo dell’articolo: ovvero come si puliscono i carciofi. Con o senza spine il metodo è lo stesso, tuttavia vi consigliamo di indossare dei guanti, soprattutto per maneggiare i carciofi spinosi ma anche per non rischiare che le dita vi divengano nere a causa dell’alta quantità di Ferro che risiede in questo ortaggio e che si ossida a contatto con l’aria.

  1. Il primo step consiste nell’eliminare le punte con le spine tagliando il carciofo a circa due terzi di altezza.
  2. Dopodiché rimuovete anche il gambo così da eliminare anche le parti filamentose alla base.
  3. Infine, rimuovete con cura le foglie esterne più dure e lasciate solo il cuore, ovvero la parte più tenera.

Potrà sembrarvi uno spreco, ma la parte che si mangia del carciofo è davvero poca. Se preparate un risotto o li volete friggere tagliate i carciofi facendo un incisione nel mezzo e create quattro spicchi. In questo modo sarà più facile eliminare la barba con un coltello. Oppure potete anche cucinarli puliti ma interi e realizzare la ricetta tipica dei carciofi alla romana o alla giudia.

In base a ciò che si desidera preparare le nostre nonne utilizzano due metodi di pulizia. Dovete sempre partire dallo stesso presupposto: come pulire i carciofi crudi per cucinare

  • Per mangiarli cotti immergeteli in una bacinella piena di acqua e spremete all’interno mezzo limone. Mettete a mollo anche il mezzo limone avanzato che andrà a catturare il nero del carciofo. Lasciate a bagno per circa mezz’ora e sciacquate due o tre volte per eliminare tutti i residui.
  • Per mangiarli crudi, invece, si può preparare un bagno di acqua e latte per pulire bene i carciofi ed eliminare tutto il nero.

Come ottenere i fondi dei carciofi

Carciofi ripieni vegani
Carciofi ripieni vegani

Per alcune ricette è invece opportuno ottenere i fondi dei carciofi.

  1. Basterà seguire tutte le indicazioni come sopra ma, dopo aver rimosso il gambo, bisognerà tagliare le estremità delle foglie per 3-4 cm.
  2. Poi basterà aprire con le mani il carciofo fino ad arrivare al centro e, con uno scavino per carciofi o in semplice coltello, rimuovere la barba non commestibile.
  3. A questo punto mettere il carciofo nell’acqua e limone e procedere con il resto della ricetta. 

Questa preparazione è sicuramente la più semplice guida su come pulire i carciofi per farli ripieni. In alternativa potete anche non eliminare i 3-4 cm delle foglie e in questo modo, la parte scavata da farcire sarà sicuramente più profonda e conterrà più ripieno.

La conservazione dei carciofi freschi

Carciofi
Carciofi

È bene tenere in conto che i carciofi, a contatto con l’aria, si ossidano molto velocemente. Bisogna quindi saperli trattare e conservare al meglio per non doverli sprecare o per non perdere parte delle loro proprietà.

Sapevate che quando i carciofi sono molto freschi si possono conservare in un vaso pieno d’acqua, immersi dalla parte del gambo? Proprio come i fiori! Se invece si desidera conservarli in frigo, bisogna  togliere il gambo e le foglie esterne più dure. Poi bisognerà lavarli, asciugarli e metterli in un contenitore ermetico. In questo modo, al fresco e privati dal contatto diretto con l’ossigeno, si conserveranno per almeno 5-6 giorni.

Inoltre i carciofi si possono anche congelare. Prima però bisognerà pulirli, tagliarli, sbollentarli in acqua e limone per pochi minuti e bisognerà lasciarli raffreddare.

Carciofo: proprietà e valori nutritivi

I carciofi sono un vero toccasana per il benessere del nostro organismo in quanto sono una miniera di principi attivi e presentano tante virtù nutritive.

Innanzitutto sono un alimento ipocalorico, infatti ogni 100 g di carciofi si contano appena 47 kcal di cui 0,2 g di grassi; 94 mg di sodio; 370 mg di potassio, 3,3, g di proteine oltre a 11 g di carboidrati (costituiti per la maggior parte da un particolare amido, l’inulina). Quest’ultima è in grado di ridurre il livello di glicemia nel sangue. Oltre a questo i carciofi sono ricchi di acido folico, potassio, calcio, fosforo. 

Sono privi di colesterolo e sono ricchissimi di ferro, elemento essenziale nella cura delle anemie. Possiedono una buona quantità di fibra alimentare, utile per il corretto funzionamento dell’intestino. Contengono inoltre cinarina, elemento che facilita la digestione e depurano il fegato.

E adesso che sapete tutto, provate le nostre migliori ricette con carciofi!

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

Carciofi consigli alimentari

ultimo aggiornamento: 29-01-2022


Latte di cocco e acqua di cocco: differenze, proprietà e benefici

Idee furbe per non buttare le briciole di biscotti