Diversi possono essere i piatti che riescono ad unire semplicità ed una elevata prelibatezza finale.

Tra questi, vi è senz’altro la carne, una pietanza che nel corso dei decenni ha conquistato le tavole degli italiani con la bontà sopraffina del suo sapore. Un genere di piatto che soddisfa adulti e bambini e che può essere mangiato da solo oppure accompagnato da altri alimenti (da un’insalata alle patatine fritte, passando per gli ortaggi), per una combinazione di gusto e prelibatezza.

Comunque, mangiare una buona fetta di carne o un arrosto deriva, d’altronde, dalla scelta accurata di un buon pezzo di essa, a cui si possono unire e combinare altri ingredienti di qualità, tra cui apposite spezie e un adeguato insaporitore di carne. Per esaltare una bella grigliata fatta con amici oppure gli arrosti preparati in famiglia, si possono scegliere ed utilizzare vari insaporitori. Ma quali sono tali insaporitori e come si possono usare per esaltare il gusto di qualsiasi genere di carne?

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

Tutti i tagli di carne per griglia

Un raffinato condimento per la carne

Un insaporitore di carne non è altro che un prodotto specifico, una sorta di “condimento” che consente di migliorare e rendere maggiormente raffinato il gusto della carne, donandogli aromi particolari o più decisi. Esso può essere composto da modeste quantità di vari elementi, tra cui le tradizionali spezie (come, ad esempio, salvia, rosmarino, timo, origano, mirto), a cui poi si possono abbinare inoltre altri ingredienti specifici, quali l’aglio o addirittura gli agrumi.

L’uso di un insaporitore consente, come detto, di dare un gusto ed un aroma particolare o preciso alla pietanza preparata e la scelta di quello maggiormente adeguato dipende non solo dal tipo di pezzo di carne prescelto, ma anche dal sapore che vogliamo donare ad essa. Tuttavia, alcuni insaporitori possono offrire, inoltre, anche un ulteriore vantaggio e cioè quello di far mantenere un adeguato livello di umidità alla carne, evitando che questa, in fase di cottura, diventi eccessivamente secca e stopposa.

Come utilizzare un insaporitore

Ciascun prodotto si combina maggiormente con alcune tipologie di carne rispetto ad altre. Solitamente si consigliano comunque insaporitori diversi in base al tipo di carne prescelto. Se si utilizza della carne di maiale, ad esempio, un insaporitore ideale è quello che contiene del timo e del limone. Per altre tipologie di carne, invece, si potrebbe scegliere per un prodotto contenente delle erbe aromatiche, in cui vi siano presenti del rosmarino ed una lieve ma importante nota di limone.

Per ottenere delle ottime carni bianche da utilizzare magari nelle rollate, negli spiedini o nei macinati, si dovrebbero adoperare insaporitori con essenze naturali. Un gusto maggiormente intenso deriva poi dall’uso di un condimento in cui vi sia del sale aromatizzato con paprika dolce, davvero ideale quando si cucinano delle carni bianche. Per coloro che vogliono proprio deliziarsi specificatamente con la carne di pollo, allora il condimento migliore è quello per polli arrosto. 

Se invece si è alla ricerca di un gusto maggiormente particolare, sempre per diverse tipologie di carne, una scelta adeguata è quella dell’insaporitore al gusto di pomodoro con qualche nota di aroma di aceto balsamico. Come si può notare, l’utilizzo di qualsiasi genere di insaporitore dipende sia da ciò che si vuole ottenere a livello di gusto e aroma finale e sia dal tipo di carne utilizzato, per poter realizzare una semplice fettina, un arrosto o anche una grigliata.  

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 03-08-2022


Merenda Sinoira: che cos’è? com’è nata quali sono le pietanze tipiche

Tutto quello che c’è da sapere sull’eritritolo