I modelli di cantinetta vino sono vari e tra i principali vi sono quelli a libera installazione, complementari, da incasso e a doppia temperatura.

Le loro caratteristiche sono diverse e tutti possiedono differenti aspetti positivi. Ci sono inoltre numerosi fattori che si devono considerare per effettuare la scelta giusta, prima di procedere all’acquisto del prodotto. Tra questi vi sono dimensioni, forma, funzionalità, ma nella lista ne sono presenti anche altri.

La dieta depurativa per rimettersi in forma dopo le feste

Vino rosso

Modelli di cantinetta vino: ecco i diversi tipi e le loro caratteristiche

Esistono tanti modelli di cantinetta vino e tra le principali tipologie vi sono quella a libera installazione, quelle complementari e quelle da incasso. Per quanto riguarda le prime, si tratta di soluzioni che si possono posizionare in ogni zona della casa, perché non hanno bisogno di particolari elementi per il montaggio.

Per le seconde invece la stanza della casa su cui andranno installate è la cucina, ma può andare bene qualsiasi area di questo ambiente domestico. Anche tale categoria infatti si adatta bene a ogni tipologia di mobilio. Occorre però prestare attenzione a un certo elemento per la scelta della corretta cantinetta complementare, che riguarda l’espulsione dell’aria. Quest’ultima infatti fuoriesce da punti posteriori della struttura e per questo motivo, tali parti dovranno avere spazio a disposizione per non trovare ostacoli nell’emissione dell’aria.

I modelli da incasso invece presentano questa denominazione perché si possono inserire in qualsiasi punto e sono disponibili in un ogni forma e dimensione. Le categorie di cantinette citate inoltre possono essere a doppia temperatura e questo gruppo possiede più parti su cui si può stabilire un livello climatico diverso. Ciò rappresenta una soluzione ideale, perché non tutti i vini vanno conservati alla stessa temperatura.

Data la varietà di tipologie di dispositivi presenti sul mercato, può essere opportuno indicare come scegliere quello più adatto al proprio caso.

Come scegliere la cantinetta adatta al proprio caso

La cantinetta giusta può essere scelta dopo aver considerato differenti fattori, in primis la tipologia, ma anche le dimensioni e la forma. Da aggiungere anche la qualità dei materiali, le funzionalità, come quella della doppia temperatura, nonché la capienza, il tasso di umidità. Sarà opportuno analizzare anche la facilità della regolazione delle funzioni, nonché l’efficienza energetica, gli eventuali costi.

Non meno importante poi il tipo di illuminazione e uno consigliato è quello con i filtri UV.

Il modello perfetto di cantinetta sarà quello che non solo si adatterà al meglio alle proprie esigenze, ma che garantirà anche una migliore conservazione dei vini. È proprio questo infatti lo scopo primario di questi dispositivi, perché è di fondamentale importanza mantenere un livello climatico giusto, per poter gustare il prodotto al meglio, sentirne il gusto originale, l’aroma ben conservato.

Ci sono poi esemplari composti da tecnologie sofisticate, ma anche altri più semplici.

Se i fattori appena indicati riguardano soprattutto struttura, dimensioni e funzionalità, tuttavia si può elencare tra gli aspetti da analizzare anche il design, che può essere determinante per arricchire l’arredo circostante.

Se si terranno in considerazione tutti questi elementi, sarà più facile evitare di sbagliare e si acquisterà un ottimo prodotto.

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 06-12-2021


Quali sono le varietà di datteri che vale la pena riconoscere?

Mise en place di Natale: tutti i consigli per non sbagliare