L’olio extravergine d’oliva in cucina è fondamentale.

Può sembrare un’affermazione banale e quasi scontata ma non lo è assolutamente, dal momento che si tratta di un condimento capace di esaltare gli altri ingredienti e persino di diventare protagonista.

Una delle regioni più importanti nella produzione dell’olio extravergine d’oliva è la Puglia, complice una tradizione che ha radici millenarie e deriva dal contatto con greci, fenici e romani. Una passione che è rintracciabile ancora oggi nella geografia del territorio, dove gli ulivi sono uno degli elementi caratteristici.

Olio Albori è una giovane realtà nata nel 2021 dalla voglia di portare nelle case un olio extravergine d’oliva realizzato a regola d’arte 100% made in Puglia, secondo un sapere tramandato da generazioni. Sul sito http://www.olioalbori.com/ si possono trovare le tre tipologie con cui si trova declinato Olio Albori: Monocultivar, Grand Cru e Albori Soave. Il sapore è autentico, sempre interconnesso con la tradizione e il lavoro dei contadini, i veri protagonisti nella produzione di eccellenza dell’oro liquido del Mediterraneo.

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

Albori Monocultivar Tavola Detail

Il lavoro dei contadini al centro della produzione di Albori

L’ulivo è una pianta forte e fragile al tempo stesso. Capace di adattarsi a un terreno brullo e sassoso come quello pugliese, e di dare frutti gustosi e preziosi.

Il gusto di Olio Albori riflette un rapporto primordiale e intenso: quello dell’uomo con la natura, o meglio, del contadino con le piante e il territorio. Lo dimostrano le parole di Sandro, olivicoltore innamorato della sua terra, è originario di Torremaggiore, da 69 anni:

“L’occhio del padrone ingrassa il cavallo. Questo detto vale anche per le piante. Se vai lì  quasi tutti i giorni, a passeggiare nel terreno, a vedere le olive che crescono, i rametti che  nascono, a togliere l’erba cattiva, la pianta è come se se ne accorgesse. Come se sentisse  che sei lì perché le vuoi bene, perché la vuoi curare.” 

Come non percepire il rapporto con ogni singola pianta, con le foglie e con le radici? Olio Albori è frutto di una cura e di gesti piccoli, certo, ma capaci di fare la differenza in tavola. Riesce a parlare non solo al palato, in piatti a base di verdure, carne e pesce ma anche in una semplice bruschetta a base di pane, pomodoro e olio extravergine d’oliva. Olio Albori porta alla mente (e all’anima) un sapore primordiale, che tutti gli uomini rintracciano e ricordano, così, dentro di sé.

Albori Tavola

Solo le olive della tradizione pugliese

Olio Albori è realizzato con 100% olive pugliesi secondo una tradizione che si tramanda di generazione in generazione. Per questo motivo la raccolta è effettuata rigorosamente e interamente a mano, proprio come si faceva una volta. La filiera è tracciata in ogni procedimento e, grazie alla dedizione dei contadini, ogni passaggio è effettuato con grande attenzione, compresa la molitura, ottenuta in assenza di ossigeno in modo da evitare l’ossidazione.

La spremitura delle olive è esclusivamente a freddo e riesce a garantire tutto il sapore originario delle olive, come dimostra il colore dell’olio. Tre le tipologie di Olio Albori presenti, come abbiamo accennato all’inizio. Nel dettaglio:

  • Albori Monocultivar. Un olio prodotto interamente con olive Peranzana, varietà tipica del Nord della Puglia. Un olio perfetto dal punto di vista nutrizionale, grazie alla bassa acidità e alla concentrazione di polifenoli, in grado di coniugare gusto e salute in tutte le preparazioni gastronomiche.
  • Albori Grand Cru. Una produzione di eccellenza, come testimoniano le circa 1.500 bottiglie prodotte durante l’anno. Un olio da assaporare a crudo, dalle minestre alle insalate passando per le verdure in pinzimonio.
  • Albori Soave. Un sapore delicato e armonico, dove le olive pugliesi, Leccino e Peranzana trovano il giusto mix. Impossibile non percepire l’aroma tipico del territorio e dei suoi paesaggi. Un olio non meno inebriante dei precedenti.

Olio Albori, con le sue tre declinazioni disponibili sia singolarmente sia in un cofanetto che vede la presenza di tre bottiglie da 100 ml l’una, porta con sé l’essenza del territorio pugliese. Un modo per viaggiare e allo stesso tempo sentirsi a casa. Proprio come quando si visita la Puglia, terra accogliente, ospitale e ancora selvatica.

Albori Soave

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 13-01-2022


Cibofobia: cos’è e come si supera

Olio aromatizzato fatto in casa: idee di cucina veloci