Mangiare bene ha un impatto positivo sulla salute e sull’umore, soprattutto nel momento in cui ricette semplici e ricche di sostanze nutritive si sposano a un gusto unico. È questo il caso del Prosciutto di San Daniele, alimento chiave della cultura gastronomica italiana.

Sappiamo bene quanto sia importante riuscire a trovare il perfetto equilibrio. Mangiare bene ha un impatto positivo sia sulla salute che sull’umore, soprattutto nel momento in cui ricette semplici e ricche di sostanze nutritive si sposano a un gusto unico. È questo il caso del Prosciutto di San Daniele, un alimento chiave della cultura gastronomica italiana. La sua storia affonda le sue radici nei secoli passati: tra l’XI e l’VIII secolo a.C, sono state infatti trovate numerose testimonianze di come nella zona di San Daniele del Friuli fosse diffuso l’allevamento del maiale.

Scopriamo ora le caratteristiche di questo alimento, del suo processo produttivo e degli elementi territoriali che ne caratterizzano le specificità.

Prosciutto San Daniele
Prosciutto San Daniele

Un microclima irripetibile favorisce una perfetta stagionatura

Sono “solo” tre gli ingredienti essenziali grazie ai quali viene prodotto il San Daniele DOP, in quella zona del Friuli-Venezia Giulia denominata “anfiteatro morenico”. Si tratta di cosce di suino italiano selezionate, sale marino e – soprattutto – del particolarissimo e irripetibile microclima proprio di San Daniele del Friuli. È proprio qui che, infatti, avviene l’incontro tra i venti freddi delle Alpi Carniche e la brezza dell’Adriatico. Elemento regolatore è poi il fiume Tagliamento, osservatore silenzioso di un rito naturale che si ripete da sempre. Il San Daniele DOP è un alimento che può essere inserito in qualsiasi programma alimentare. È perfetto per la dieta di bambini, sportivi e anziani oltre che particolarmente indicato nei regimi ipocalorici. Grazie a determinate proprietà che adesso esamineremo, il Prosciutto di San Daniele è in grado ogni giorno di fornire il perfetto fabbisogno energetico al nostro organismo.

Stagionatura del prosciutto San Daniele
Stagionatura del prosciutto San Daniele

La mappa del gusto: alta digeribilità, proteine e vitamine

L’alta digeribilità viene garantita dalla stagionatura del Prosciutto di San Daniele, che non scende mai al di sotto dei 13 mesi. La cosa più interessante da mettere a fuoco, quando si parla di San Daniele DOP, è il fatto di rappresentare una fonte importante sia di vitamine che di minerali e proteine nobili di alta qualità.

Per quanto riguarda la composizione di questo alimento, a livello di macronutrienti, può essere definita principalmente proteica. La caratteristica delle sue proteine è la rapida digeribilità e il motivo è presto detto: nel corso dei processi di maturazione, avviene già una “pre-digestione” ad opera degli enzimi. Abbiamo accennato al ricco contenuto di vitamine, in particolare il riferimento è a quelle del gruppo B (soprattutto B1, B2 e B3). Senza dimenticare poi la fondamentale presenza di sali minerali, in particolare fosforo, ferro e magnesio ma anche potassio e zinco. Inoltre, precisiamo che il San Daniele DOP è in grado di fornire la perfetta quantità di grassi insaturi e saturi che servono al personale fabbisogno energetico.

Ricette d’autunno: ispirazioni in cucina con il San Daniele DOP

Ma quali sono le migliori ricette dedicate al Prosciutto? La stagione autunnale ci offre numerosi prodotti (zucca, verza, funghi ecc.) per sperimentare con gustose ricette. Perché non creare degli involtini di verza e San Daniele DOP? Con un tocco di scamorza e parmigiano, diventeranno un secondo piatto irresistibile. Restando in tema di secondi, vi consigliamo i medaglioni di filetto di maiale, con salvia, gorgonzola e ovviamente Prosciutto di San Daniele!

Se amate gli ortaggi autunnali, ecco una ricetta davvero sfiziosa: carciofi gratinati serviti su un letto di hummus. Il sapore delicato dei carciofi si sposa bene con il San Daniele, qui servito in gustose chips leggermente cotte in forno.

Ecco alcuni semplici spunti per poter abbinare il San Daniele DOP ai prodotti stagionali esaltandone il gusto. Il risultato sono ricette gustose, ricche di sapore, che trasmettono un forte senso di convivialità e amore per il buon cibo.

Scopri i consigli per una casetta di pan di zenzero perfetta


Il cibo da asporto è sicuro? E se il cuoco è positivo?

Negozi alimentari: quali saranno aperti e quali chiusi dal 6 novembre?