Una guida alla scoperta delle proprietà e degli utilizzi dell’alga kombu in cucina, un ingrediente essenziale della cucina macrobiotica e molto versatile.

Conoscete le alghe marine kombu? Sono un alimento ricco di proprietà benefiche e nutrizionali, molto utilizzato in cucina e versatile. Queste alghe appartengono al genere delle focus e delle laminarie e crescono appena sotto la superficie dell’acqua. Si sviluppano in Giappone, nelle acque antistanti alla costa sud-orientale di Hokkaido, ma nei mari del nord-europa si può trovare una varietà particolare, la laminaria digitata.

Se siete appassionati della cucina giapponese o di quella macrobiotica conoscerete già questo alimento, ma sapete quali sono le sue proprietà e come utilizzarle le alghe in cucina? Scopriamolo insieme!

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

alga kombu
FONTE FOTO: https://it.pinterest.com/pin/164662930109391429/

Alghe kombu: le proprietà

L’alga kombu è un prodotto del mare, è ricca di fibre, iodio, sali minerali e vitamine, ma è povera di sodio. Grazie alla quantità di sostanze presenti al suo interno, la kombu può essere considerata un vero e proprio integratore. Il loro consumo ha notevoli effetti benefici per il nostro organismo: migliorano la digestione, favoriscono la circolazione sanguigna, stimolano il metabolismo, rafforzano il sistema immunitario e hanno effetti alcalinizzanti e disintossicanti, grazie alla loro capacità assorbente.

Lo iodio, ad esempio, rende utili queste alghe per stimolare il metabolismo lento e per smaltire liquidi e grassi in eccesso. Un consumo costante ma moderato può essere utile per rinforzare le difese e limitare raffreddori e influenze. Il consumo delle alghe kombu è però sconsigliato in gravidanza e durante l’allattamento.

Ad ogni modo ricordate di non esagerare con le quantità poiché un eccessivo consumo potrebbe avere effetti negativi come irritabilità, insonnia, ipertiroidismo e ipertensione.

Alghe kombu: come si cucinano e il loro utilizzo

L’alga kombu è reperibile in commercio sotto forme diverse. Generalmente la si può trovare essiccata in “fogli” oppure a fiocchi o in polvere e, grazie al suo gusto sapido, è per lo più utilizzata per insaporire i cibi. Le alghe secche richiedo un ammollo preventivo di 20 minuti in acqua fredda e per la cottura sono necessari 20-30 minuti circa. L’ideale è aggiungere un pezzetto di alga ai legumi, direttamente nell’acqua di cottura o in quella di ammollo, in modo da ammorbidirli e renderli più digeribili.

Potete utilizzare le alghe per insaporire le verdure cotte o il brodo. Potete preparare il dashi, un tipico brodo giapponese, la zuppa di miso o utilizzarla per insaporire il seitan.

FONTE FOTO: https://it.pinterest.com/pin/164662930109391429/; https://it.pinterest.com/pin/173459023123273678/

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 18-02-2018


McDonald’s guarda al futuro partendo dall’alimentazione dei bambini

Terza edizione del Festival del Giornalismo Alimentare