Spesso usati come sinonimi, i due termini indicano in realtà due prodotti caseari differenti. Ecco la differenza tra provola e scamorza.

Entrambi tipici del sud Italia, questi due formaggi vengono spesso confusi tra loro e non è raro trovare la dicitura “provola o scamorza” nelle ricette. Eppure la differenza tra provola e scamorza esiste e, anche se a un primo sguardo è piuttosto minima, scoprendo i dettagli della loro preparazione vi renderete conto di come siano diverse tra loro.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Provola e scamorza
Provola e scamorza

Quali sono le differenze tra provola e scamorza?

Già dal nome intuiamo le diversità, ma è altresì vero che in Italia spesso si utilizzano nomi diversi per indicare la stessa preparazione. Tuttavia in questo caso sono il primo segnale di diversità. Scamorza deriva da capa mozza o testa mozzata così come da scamozzare, ossia eliminare una parte. È un formaggio a pasta semi cruda in parte filata ottenuto scaldando il latte fino a 35°C e aggiungendo poi caglio e fermenti lattici. La cagliata viene poi tagliata, fatta filare in acqua caldissima e infine formata. È subito pronta per essere consumata ma volendo può essere sottoposta a breve stagionatura. La forma caratteristica è quella di pallone schiacciato.

Scamorza
Scamorza

La provola invece prende il nome da pruvatura o pruvula, ossia l’atto di prelevare dei piccoli campioni. Questo perché la provola altro non è che mozzarella fatta stagionare: le prime fasi della produzione infatti sono identiche. Si tratta di un formaggio a pasta totalmente filata di forma simile a una pera.

Il processo di affumicatura invece non può essere considerato una differenza tra provola e scamorza. Entrambi i formaggi infatti possono esserne sottoposti e acquisire così un particolare aroma.

Ma c’è un’ulteriore differenza da chiarire, quella tra provola, caciocavallo e scamorza. Non tutti sanno infatti che il caciocavallo altro non è che un tipo di provola prodotta con il latte di particolari tipi di mucche. I più famosi sono il caciocavallo siciliano, il silano DOP e il ragusano DOP.

Ora che abbiamo svelato questo arcano forse sarete curiosi di scoprire quali sono le differenze tra mozzarella, burrata e stracciatella.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 25-01-2022


I migliori biscotti di CANAPA

Orange Pound Cake: la ricetta anglosassone per i più golosi