Si chiama G+ la nuova “bevanda da latte” a ridotto contenuto in zuccheri, prodotta da Granarolo.

G+ è la nuova proposta immessa sul mercato da Granarolo: gruppo alimentare italiano che opera nel settore lattiero caseario, oltre che in pasta, salumi, aceto e prodotti vegetali. Questa nuova bevanda a ridotto contenuto di zuccheri, pari al 30% in meno rispetto a quella priva di lattosio, ha fatto molto parlare di sé negli ultimi tempi.

Infatti, nonostante sia a tutti gli effetti latte, una legge emanata dall’Unione Europea a tutela del consumatore, non la classifica come tale. Si tratta del Regolamento (Ue) 1308/2013 che sancisce che, privando completamente un alimento di una sua componente; ad eccezione dei grassi, in etichetta non può più comparire la dicitura con il nome dell’alimento stesso.

10 ricette per tenersi in forma

Granarolo G+
Fonte foto: https://www.facebook.com/granarolo.it/photos/

Le caratteristiche della nuova bevanda G+

La nuova linea di Granarolo, prodotta con latte rigorosamente italiano, arricchisce il repertorio di prodotti che l’azienda offre al suo pubblico. G+ è una bevanda priva di lattosio e a basso contenuto di zuccheri. La percentuale di zucchero presente è infatti ridotta del 30% rispetto a quella del latte tradizionale delattosato.

La tecnologia utilizzata per la sua produzione consiste in un processo di filtrazione, attraverso il quale vengono mantenuti tutti i nutrienti mentre gli zuccheri vengono isolati. In questo modo si è potuto creare una bevanda da latte a ridotto contenuto di zuccheri; pur mantenendo invariati gli altri valori nutrizionali del latte senza lattosio.

G+ è disponibile sia nei banchi frigo, come prodotto fresco; che sugli scaffali dei supermercati come bevanda a lunga conservazione. La nuova linea G+ è inoltre rappresentata da tre prodotti funzionali, che contribuiscono a ridurre stanchezza e affaticamento, oppure alla funzione cardiaca o ancora a quella intestinale.

Resta al consumatore la scelta di quali prodotti acquistare, in base alle proprie esigenze nutrizionali e alle proprie abitudini alimentari.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 04-03-2018


Il Salone del Gusto 2018: Pitti Taste presenta il tema del foraging

Coldiretti rivela i nomi dei cibi più falsificati