È stato inaugurato Bistrani a Torino, ovvero il primo bistrot interamente gestito da sette giovani ragazzi con autismo!

Ad un mese dall’apertura è stato inaugurato Bistrani, ovvero il primo bistrot interamente gestito da sette tra ragazze e ragazzi affetti da autismo. Il locale si trova a Torino, più precisamente in via Sassari. Si tratta di un progetto di inserimento lavorativo dell’associazione Autismo e Società ONLUS.

Il progetto coinvolge i ragazzi con lo scopo di inserirli nel mondo del lavoro, attraverso progetti educativi e occupazionali. I sette ragazzi prima dell’apertura hanno affrontato un periodo di formazione e adesso sono pronti per lavorare nel bistrot. Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere sul nuovo locale del Piemonte.

Tutto su Bistrani a Torino: il bistrot gestito da ragazzi autistici!

I sette tra ragazzi e ragazzi prima dell’apertura del locale hanno imparato a lavorare nel bistrot, grazie ad un periodo di formazione. Attualmente i giovani si alternano tra le varie mansioni della caffetteria e della vineria, fino alla tavola calda.

L’idea di aprire questo locale è nata dall’associazione Autismo e Società ONLUS, con a capo il presidente Cristina Calandra. La quale avrebbe spiegato: “Siamo partiti dal presupposto che le persone autistiche non siano adeguatamente considerate né a livello lavorativo né come potenziali clienti di un’attività commerciale“.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Bistrani
Fonte foto: https://www.instagram.com/volonwrite/?hl=it

Inoltre la donna ha dichiarato che proprio per questo motivo hanno pensato ad un luogo e ad un’attività da far svolgere ai ragazzi con l’autismo, proprio per fargli esprimere le proprie potenzialità. Allo stesso tempo possono sentirsi a proprio agio a contatto con la realtà per sviluppare l’autonomia e le relazioni.

È nata una collaborazione con l’associazione E.L.I.S.A. Nuove Abilità, per insegnare ai ragazzi i mestieri di baristi, camerieri e tutte le attività che ci sono da svolgere nel locale. In merito la psicologa Emanuela Manna e l’educatrice Alice Cracco hanno spiegato: “Viste le difficoltà ad inserirsi nel mondo del lavoro, i ragazzi percepiscono Bistrani come un’oasi nel deserto, la possibilità di dimostrare a tutti di poter far parte di un progetto strutturato“.

Fonte foto: https://www.instagram.com/volonwrite/?hl=it

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 28-11-2018


4 zuppe ideali per una calda, sana e deliziosa pausa pranzo!

Qual è la differenza tra banana e platano?