Ingredienti:
• 8 carciofi (mammole)
• 1 limone
• acqua q.b.
• olio da frittura q.b.
• sale q.b.
• pepe q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 10 min
cottura: 10 min

Ecco a voi la ricetta dei carciofi alla giudia, un piatto irresistibile e facilissimo da fare, perfetto da portare in tavola in qualsiasi occasione.

I carciofi alla giudia sono un vero e proprio peccato di gola. Questo è uno dei piatti tipici più amati di tutta la tradizione culinaria romana, e si tratta di un carciofo fritto croccante come non mai, che viene servito intero e che si mangia staccando le foglie una ad una, proprio come delle deliziose chips di carciofo.

Si tratta di una ricetta originale, quella dei carciofi alla giudia, nata nel ghetto ebraico della capitale romana (ed è proprio per le origine giudaiche che vengono chiamate in questo modo). Spesso la preparazione viene confusa con i classici carciofi alla romana cotti in tegame, e può essere servita come antipasto o finger food sfizioso durante una cena tra amici che, possiamo dirlo, non sarà sicuramente ipocalorica: pensate che una porzione si aggira sulle 180 kcal che non sembrano neanche molte, ma vi ricordiamo che si tratta sempre di una ricetta fritta.

Siete pronti a scoprire come preparare queste mammole fritte? Allora cominciamo e vediamo subito la ricetta dei carciofi alla giudia!

10 ricette per tenersi in forma

Carciofi alla giudia
Carciofi alla giudia

Come cucinare i carciofi alla giudia

  1. Come sempre, la prima fase consiste nella pulizia dei carciofi. Eliminate la parte del gambo finale lasciando quello più morbido e poi togliete tutte le foglie finché non arriverete a quelle meno dure.
  2. A questo punto, capovolgete i carciofi ed esercitate una leggera pressione contro il tagliere o il vostro piano di lavoro in modo da aprire un po’ a fiore l’ortaggio. Potete anche allargarlo dall’interno con le dita: l’obiettivo è appunto quello di ottenere un fiore, senza danneggiare le foglie o farle staccare.
  3. Rimuovete la barba interna e intanto, mentre pulite i carciofi, metteteli in ammollo in acqua e limone per non farli ossidare.
  4. Nel frattempo fate scaldare l’olio fino a che non avrà raggiunto una temperatura elevata, e a quel punto immergete i carciofi un paio alla volta in modo che abbiamo sempre il gambo rivolto verso l’alto e non immerso nell’olio. Lasciateli dorare per bene per circa 10 minuti, poi estraeteli e metteteli ad asciugare su dei fogli di carta assorbente o carta per frittura.
  5. Accendete di nuovo la fiamma sotto la pentola di olio, che potete anche decidere di cambiare in caso abbia raggiunto il punto di fumo. Una volta a temperatura (circa sui 160/170°C) immergeteli nuovamente per circa 1 minuti, o comunque finché non saranno diventati croccanti aiutandovi con una pinza per muoverli senza bruciarli.
  6. Una volta cotti, asciugateli con un foglio di carta di cucina e terminate con sale e pepe. Buon appetito!

Consigli per preparare il carciofi alla romana fritti a regola d’arte

Carciofo alla giudia
Carciofo alla giudia

Ci sono moltissimi consigli che potremmo darvi per preparare questo piatto, ma quelli veramente utili sono pochi e ben precisi: dovete fare attenzione, prima di tutto, alla temperatura dell’olio. Vi consigliamo di utilizzare un termometro apposito da cucina e controllare che la prima frittura sia fatta a una temperatura leggermente inferiore rispetto alla seconda (140/150°C e circa 160/170°C dopo). La seconda cottura dei carciofi romani fritti serve per dare croccantezza e rendere questa ricetta tradizionale super golosa. Inoltre, una buona cottura permette che non ci siano scarti. Tutto il “fiore di carciofo” infatti è commestibile e godurioso.

Sempre parlando di olio siete liberi di scegliere la tipologia che preferite di olio per friggere, secondo la ricetta classica viene utilizzato l’olio extravergine di oliva, ma potete anche optare per un più leggero e versatile olio di semi.

Dopo averli cotti, se volete servirli in modo abbastanza rustico potete lasciarli con il gambo, altrimenti potete tagliarlo e capovolgerli sul piatto, in modo che assomiglino in tutto e per tutto a dei fiori golosi.

L’ultimo consiglio è per una cottura light, potete anche infatti provare a prepara i carciofi alla giudia al forno, non dovrete fare altro che metterli capovolti a testa in giù su una teglia con un filo d’olio e cuocerli per circa 35 minuti a 180°C.

Provate anche tutte le nostre ricette con i carciofi: una vera e propria bontà!

Conservazione

Questo contorno facile e sfizioso è bene consumarlo al momento. Sconsigliamo al congelazione in freezer.

5/5 (1 Review)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

Carciofi vetrina carciofi

ultimo aggiornamento: 07-02-2022


Scopriamo la versione gluten free della classica torta Pasqualina

Pasta con i carciofi: un primo piatto gustoso!