Alcuni sono più conosciuti di altri, ma noi vi spieghiamo con cosa e come sostituire la carta forno, attraverso pratici consigli.

Tramandata di generazione in generazione, la buona carta forno è un elemento essenziale. Immancabile in tutte le cucine, serve per rivestire stampi e teglie. Con questa, qualsiasi impasto o prodotto evita di rimanere attaccato al contenitore, durante la cottura. Tuttavia, può capitare di non averla a disposizione e, a questo punto, cosa si può fare? Alcuni suggerimenti su come sostituire la carta forno li abbiamo noi. Dai metodi più tradizionali, appartenenti alle nostre care nonne a quelli di ultima generazione, un rimedio c’è sempre.

La dieta depurativa per rimettersi in forma dopo le feste

Come sostituire la carta forno
Come sostituire la carta forno

I consigli più antichi su come sostituire la carta forno

Prima ancora della comparsa di questo pratico strumento, c’erano altri metodi infallibili per preservare l’impasto e lo stampo. Quello più pratico e antico consiste nell’usare l’olio. Imbevete un foglio di carta da cucina e oliate l’intera superficie dello stampo. Attenzione a non metterne troppo, altrimenti potreste compromettere il sapore del prodotto cotto. Basta solo uno strato moderato di olio extravergine d’oliva.

Se non avete a disposizione la carta da forno, imburrate e infarinate qualsiasi tipo di teglia. In questo caso, sono due gli accorgimenti da ricordare. Ricoprite ogni centimetro del contenitore e fate attenzione alla cottura. La torta o qualsiasi altro impasto, non devono essere troppo o troppo poco cotto, perché potrebbe rimanere comunque attaccato alle pareti del contenitore.

I metodi più azzardati per sostituire la carta da forno

Se siete indecisi su cosa usare al posto della carta forno, potete anche compiere scelte un po’ azzardate. Una di queste può ricadere sulla carta d’alluminio. Non sempre può rivelarsi un’ottima alternativa, perché non sono pochi i casi in cui l’impasto rimane comunque attaccata ad essa. Vi consigliamo questo strumento se dovete cuocere qualcosa che sia abbastanza solido, come pesce o verdure.

In alcuni casi, a salvarvi è la carta forno contenuta nella confezione del prodotto. Può capitare con la pasta frolla o quella sfoglia, oppure con alcuni impasti di pizze salate. In questo caso, potete utilizzare il foglio presente ed evitare anche sprechi.

Un metodo abbastanza azzardato è anche procedere alla cottura senza usare nulla. Certamente, non è un consiglio adatto per preparazioni dolci, che partono da impasti liquidi o appiccicosi. Principalmente, questo metodo è adatto per tostare frutta secca o altri prodotti solidi.

Cosa utilizzare se non si ha la carta forno: soluzioni di ultima generazione

Un’alternativa molto pratica sono gli stampi in silicone. In commercio, se ne trovano di tutti i tipi e forme. Adatti per preparazioni salate o dolci, questi sono ottimi durante la cottura. Il materiale stesso impedisce all’impasto di rimanervi attaccato, senza bisogno di usare altro. Tuttavia, il prodotto deve essere di qualità. Fate attenzione a dove li acquistate e lavateli e sottoponeteli ad alte temperature, per controllare che rimanga intatto. In questo modo, capirete che il materiale è di qualità.

Allo stesso modo, consigliamo anche i nuovi tappetini in silicone. Potete stenderli su una leccarda o sul fondo di stampi di qualsiasi tipo. Usateli per cuocere biscotti o qualsiasi tipo di impasto liquido.

Sapevate dell’esistenza del burro spray? Si tratta di un pratico prodotto da vaporizzare sulla superficie intera dello stampo. Basta una sola spruzzata di questo prodotto e potete procedere alla cottura.

Conoscete altri modi alternativi in cui usare la carta forno?

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 12-01-2022


Il ristorante di “Primo appuntamento” è reale!

Cibofobia: cos’è e come si supera