Sapere come conservare gli alimenti sottovuoto è un buon punto di partenza per chi vuole mantenere il cibo più a lungo: scopriamo di più!

Conservare gli alimenti sottovuoto è una delle tecniche migliori a cui ricorrere per mantenerne inalterate le caratteristiche nutrizionali, organolettiche e il sapore. Il sottovuoto, se fatto correttamente, consente una buona conservazione dei cibi, andando a prolungare proprio il gusto e la freschezza. In questo modo, infatti, si previene l’ossidazione, la proliferazione dei batteri e altri microrganismi e di conseguenza si limita il deperimento del cibo.

Vediamo di capire meglio di cosa si tratta!

I vantaggi del sottovuoto

Il sottovuoto consente di eliminare l’aria presente all’interno di un contenitore o un sacchetto tramite aspirazione. In questo modo gli alimenti possono essere conservati ben 5 volte più a lungo rispetto al tempo di conservazione standard.

Optare per questo metodo di conservazione, adatto sia per i cibi freschi sia per quelli cucinati, consente di risparmiare economicamente e di ridurre gli sprechi.

10 ricette per tenersi in forma

conservare gli alimenti sottovuoto
conservare gli alimenti sottovuoto

Come si ottiene il sottovuoto?

Formare il sottovuoto è davvero semplice, ma sono necessari due strumenti: la macchina per il sottovuoto e i sacchetti. La prima, conosciuta anche con il nome di vacuum, favorisce l’uscita dell’aria dal sacchetto che viene sigillato per termosaldatura.

Per quanto riguarda i sacchetti, invece, possono essere di vario tipo: in alluminio o polietilene, lisci, singoli oppure si trovano in appositi rotoli da tagliare. Alcuni sacchetti sono anche adatti anche alla cottura sottovuoto.

È importante precisare che oltre ai sacchetti esistono anche degli appositi barattoli o contenitori per quei cibi che sarebbe difficile riporre nei sacchetti come formaggi morbidi o zuppe.

sottovuoto
sottovuoto

Tempi di conservazione degli alimenti

Conservare frutta e verdura sottovuoto consente di raddoppiare il tempo di conservazione, sia che i cibi siano freschi, sia che siano cotti. Il pane sottovuoto può essere conservato fino a 7-8 giorni, mentre la carne e il pesce si conservato fino a 5-6 giorni.

Notevole poi l’aumento del tempo di conservazione per i formaggi: quelli freschi possono essere conservati per 5-6 giorni, mentre quelli stagionati anche per 4-6 mesi. Il tempo di conservazione di salumi e affettati arriva a 20 giorni.

Appositi tappi ermetici consentono di eliminare l’aria anche dalle bottiglie di vino aperte, ma in questo caso la quantità di aria eliminata dalle bottiglie è inferiore a quella estratta dai sacchetti.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

consigli alimentari

ultimo aggiornamento: 26-08-2020


10 cibi instagrammabili sconosciuti prima del 2010

Tipologie di farina: impariamo a conoscere uno degli ingredienti base della nostra cucina