Tante sono le domande relative a questo pregiato prodotto. Proviamo a rispondere, spiegando cos’è il caviale, come sceglierlo e quanti tipi ci sono.

Questo prodotto è conosciuto in tutto il mondo, ma non tutti sanno cos’è il caviale. La sua composizione è molto particolare e gli permette di essere subito riconosciuto, tuttavia, ne esistono vari tipi differenti e con varie caratteristiche. Ciascuno ha il proprio prezzo, non sempre accessibile, soprattutto per la tipologia più pregiata. Solamente capendo bene di cosa si tratta, potete scegliere quello più adatto e usarlo nel migliore dei modi.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Cos'è il caviale
Cos’è il caviale

Sapete cos’è il caviale?

Questo prodotto è nato in Russia, intorno agli anni ’20. In origine era considerato un alimento molto proteico e calorico, quindi già pregiato. Si ottiene attraverso la lavorazione e la salatura delle uova delle diverse specie di storione, un pesce molto ricercato. Solitamente, viene presentato in un insieme di grani morbidi. Quando i fratelli Melkoum e Mouchegh Petrossian importarono questo alimento a Parigi, cominciò a diffondersi sulle tavole delle famiglie più facoltose.

Negli anni ’50 arrivò anche in Italia, dove si rese accessibile soltanto nell’alta società. A ogni modo, il prodotto risulta molto prezioso perché deriva dall’ovulazione della specie di storione, che avviene solamente ogni due anni. Una volta estratto, poi, per diventare raffinato ha bisogno di lunghi tempi di maturazione.

L’alimento contiene molte proprietà benefiche. Tra queste, c’è una notevole quantità di acidi grassi essenziali, che rinforzano il sistema immunitario e quello cardiovascolare. Contengono molti minerali utili, tra cui ferro, fosforo, magnesio e sodio. Notevole è anche l’apporto di vitamina A, che stimola la produzione di collagene, e di vitamina E, che svolge azione antiossidante.

I vari tipi di caviale

Al mondo esistono varie tipologie di questo prodotto. Su ben 25 specie di storione, solo 8 o 9 di queste sono allevate per produrre il caviale. Tra le più conosciute, ci sono l’Ossietra, il Beluga, lo storione bianco, il Baeri, l’Amur e lo Starletto. Oltre che per la specie di origine, le tipologie di questo prodotto si differenziano anche per altre caratteristiche.

Una tra queste è il tempo di maturazione. Gli ovociti più veloci necessitano solamente di 8-9 anni. Il tempo si allunga di molto per quanto riguarda il tipo più ricercato. Vi state chiedendo qual è il caviale più pregiato? Senz’altro l’Almas, un nome che significa “diamante” in lingua russa. In effetti, questa varietà è molto preziosa e consiste nelle uova dello storione Beluga. Pescate nel Mar Caspio, devono maturare per almeno 23 anni.

Quanto costa questo prodotto?

Solitamente, il caviale di allevamento costa intorno ai 1.550 euro al kg. Per quanto riguarda il prodotto venduto al dettaglio, invece, il prezzo varia di molto, partendo dai 1.800 euro e arrivando ai 6.000 euro al kg. A determinare il costo di un preciso articolo sono tante varianti. Quanto costa il caviale più pregiato? Sappiate che quello di Beluga, ha un prezzo di ben 375 euro per 50 grammi.

Come scegliere il caviale

Per riconoscere un prodotto di qualità si parte dal suo aspetto. Innanzitutto, è preferibile che i grani abbiano dimensioni diverse tra loro e che siano elastici. Non devono essere circondati da molto liquido e nel centro deve apparire un punto più scuro, solitamente denominato “occhiolino”.

Il vero caviale è quello di colore nero. Possono esservi varie sfumature, dal grigio scuro al nero intenso e quelle più chiare sono le più costose. Comunemente, viene commercializzato anche il caviale rosso. Di questo vi sono tre tipi: il caviale del keta ha grandi grani di colore arancione, quello del gorbuscola ha uova medie di colore arancione, mentre il nerka ha piccoli grani di arancione scuro.

Scoprite tutto sulla Bottarga, la risposta italiana al caviale!

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 27-01-2022


Musica e cibo: un legame profondo

Caro Vissani, ma quanto mi costi?