La dieta del minestrone aiuta a dimagrire velocemente (fino a 5 kg in 7 giorni) ma come funziona? È sicura?

La dieta del minestrone permette di arrivare a perdere addirittura cinque chilogrammi in appena sette giorni. Proprio così: per chi desidera tornare in forma dopo un periodo di sregolatezze alimentari è il momento di provare questo regime alimentare ipocalorico a base di verdure fresche di stagione, che agisce sul nostro organismo purificandolo ed eliminando i chili di troppo.

Messa a punto da un cardiologo americano dell’ospedale Sacred Memorial di Saint Louis per i suoi pazienti obesi che dovevano perdere peso molto rapidamente in vista di un intervento, si tratta di una dieta a bassissimo apporto di carboidrati. Sono, infatti, proibiti le patate ed i legumi, ma soprattutto i cereali. Come suggerisce il nome, infatti, è dieta di verdure nella quale si consuma principalmente minestrone.

Come funziona la dieta del minestrone?

Questa dieta a base di verdure va seguita per 7 giorni (non di più) perché può causare forti scompensi (è iperproteica). Inoltre, consultate sempre il vostro medico prima!

Come dicevamo: niente cereali, ma largo spazio a zuppe a base di ortaggi freschi come cipollotti, porri, spinaci, pomodori, verza e tante altre. Questo regime alimentare prevede, inoltre, di mangiare molta frutta, verdura cruda, ma anche pesce e carne magri dal quinto giorno.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Minestrone
Minestrone

È importante anche bere molto: non soltanto acqua ma anche infusi e tisane, ovviamente non zuccherati.

Per poter vedere i risultati è necessario seguirla con costanza e determinazione per una settimana, senza sgarri. Siccome si tratta di una dieta povera è bene non esagerare con la durata: protrarla per un eccessivo periodo di tempo potrebbe causare ripercussioni a danno della propria salute (come carenze a livello nutrizionale).

Dieta del minestrone: menù settimanale

Una giornata tipo della dieta del minestrone prevede una colazione a base di frutta come mele oppure pere, o ancora ananas a volontà, abbinata a tè o caffè non zuccherati.

Durante la mattinata si consiglia di bere bevande prive di zucchero come ad esempio il tè (oppure dell’acqua naturale).

Il pranzo è a base di minestrone e frutta. Vanno escluse, possibilmente, le banane e l’uva: più calorici rispetto ad altri frutti.

Lo stesso vale per la cena, fino al quarto giorno, in cui si aggiungono alcuni alimenti come i latticini (ricotta e latte scremato) e la banana.

Il quinto giorno, poi, prevede l’introduzione della carne magra, come pollo e tacchino cotti alla piastra o alla griglia.

Il sesto giorno si sostituisce la carne con il pesce.

Infine, il settimo giorno, il riso, possibilmente integrale.

Ovviamente il buon senso e la moderazione devono essere sempre alla base di ogni regime alimentare che si decide di seguire. Quindi è bene non abusarne, ma soprattutto mettersi nelle mani di esperti nutrizionisti se si desidera seguire una dieta fatta su misura (che dia risultati a lungo termine).

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

consigli alimentari

ultimo aggiornamento: 01-05-2020


Coronavirus, rivoluzione digitale nella ristorazione per la fase 2: Mycia lancia my contactless menù, il menù digitale e il servizio di prenotazione on line con gestione ingressi. è il primo servizio di questo tipo in Italia.

4 modi per cucinare il girello di vitello (o manzo)