In queste settimane di isolamento in molti si sono dedicati alla preparazione di ricette e manicaretti vari.

Dopotutto, il tempo non manca e quale miglior modo di riempire le nostre giornate se non con le mani in pasta? Sì, perché tante ricette pubblicate sul web negli ultimi tempi hanno a che fare con impasti vari: pane, pizza e dolci su tutti.

Non c’è da stupirsi quindi che robot da cucina e planetarie sono prodotti estremamente popolari e presenti in un numero di cucine sempre maggiore. Tuttavia, in molti commettono l’errore di confondere queste due tipologie di prodotto, utilizzando i termini “robot da cucina” e “planetaria” come fossero sinonimi. In realtà, le due parole esprimono concetti simili, ma concetti differenti.

Le differenza tra planetaria e robot da cucina

In parole semplici, una planetaria può definirsi come un robot da cucina, ma non è sempre vero il contrario. Per spiegarci meglio, partiamo dalla definizione di robot da cucina, ovvero un elettrodomestico in grado di svolgere diverse funzioni tra cui: tagliare, sminuzzare, tritare, sbattere, centrifugare e tanto altro.

Alcuni modelli sono dotati anche di funzioni di cottura, grazie alla tecnologia ad induzione integrata. Dunque, il robot da cucina racchiude in un solo prodotto le capacità di diversi elettrodomestici. Un validissimo aiuto per chiunque ami destreggiarsi ai fornelli, in quanto è in grado di far risparmiare molto tempo durante una serie di preparazioni ed apre allo stesso tempo ad una serie di nuove idee di ricette.

Una planetaria, invece, o impastatrice planetaria, è un prodotto caratterizzato dal peculiare movimento del braccio meccanico, che ruota sia su se stesso che attorno ad un punto localizzabile con il centro della ciotola di lavoro. Un movimento che ricorda quello dei pianeti, planetario appunto. Questa particolare azione del braccio permette di ottenere impasti omogenei e di lavorare con uniformità anche il composto che aderisce alla parete della ciotola. Un prodotto dunque perfetto per pane, pizza, torte, crostate e tutto ciò che ha a che fare con lievito e farina.

Pasta matta
Pasta matta

Inoltre, grazie all’uso di accessori aggiuntivi, venduti separatamente, la planetaria è in grado di ricoprire una serie di funzioni diverse trasformandola in un vero e proprio robot da cucina multifunzione.

Ora che abbiamo individuato la differenza fondamentale fra i due prodotti, la domanda che sorge spontanea è: quale scegliere fra i due? Non esiste una risposta univoca, in quanto la scelta dipende in maggior misura dalle proprie specifiche esigenze.

C’è da riconoscere che le planetarie hanno acquisito una popolarità crescente nel corso degli ultimi tempi, complice il numero di panificatori seriali (numero in decisa crescita anche nel periodo pre-Coronavirus). Sul mercato si trovano infatti impastatrici planetarie complete ed in grado di ricoprire fino a 30 funzioni con l’utilizzo degli accessori aggiuntivi. Questo, aggiunto alla capacità di preparare impasti con una marcia in più rispetto ad un’impastatrice tradizionale o al lavoro a mano. Quest’ultimo, tra l’altro, faticoso e dispendioso per chiunque.

D’altro canto, se non si hanno specifiche ambizioni sulla preparazione di pane, pizza e dolci, ma si cerca un supporto alle faccende culinarie di tutti i giorni, un robot da cucina multifunzione potrebbe essere la scelta che fa al caso tuo. Ricordiamo infine che questi prodotti offrono anche la funzione impastatrice, ma senza il caratteristico movimento planetario.

La scelta deve comunque prendere in considerazione diversi fattori, che meritano una ricerca approfondita, giustificata dal prezzo a volte consistente di questi piccoli elettrodomestici. Per una panoramica completa delle caratteristiche più importanti e dei migliori modelli, puoi consultare l’approfondimento sui robot da cucina, al quale ci siamo ispirati per questa mini-guida.

Bosch, KitchenAid, Kenwood, Moulinex e Bimby. Questi sono i brand più famosi, alcuni più specializzati sulle planetarie, altri su robot multifunzione, per così dire, tradizionali. Se anche tu sarai fra i tanti a dotarsi di questo aiuto-cuochi tecnologico, il consiglio è quello di orientarsi su brand di riconosciuta fama e di indubbia affidabilità.

Infatti, sebbene il prezzo possa a volte scoraggiare, la qualità è un aspetto a cui dare il maggior risalto, soprattutto considerando la natura del prodotto, soggetto a sforzi e potenziale usura nel tempo. Le soddisfazioni, te lo garantiamo, sono però assicurate.

Il ricettario d’autunno per piatti gustosi e profumati


Trucchi e consigli per una colazione sana (ad ogni età)

Cosa sono i noodles e come si cucinano?