L’eritritolo è un dolcificante naturale sempre più utilizzato a livello industriale. Scopriamo cos’è e quali sono le sue proprietà.

Da qualche tempo la lettura delle etichette è diventata una buona prassi di molti. È fondamentale infatti capire cosa contengono i cibi che acquistiamo per essere dei consumatori più consapevoli ed evitare così ingredienti poco salutari. Spesso si legge, soprattutto in dolci e prodotti a basso contenuto di zuccheri, eritritolo, anche identificato con la sigla E968. Ma l’eritritolo cos’è, da dove si ottiene e soprattutto: fa male?

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

eritritolo
eritritolo

Cos’è l’eritritolo

L’eritritolo è un dolcificante che appartiene alla famiglia dei polioli. È classificato come additivo alimentare e si può trovare anche con la sigla E968. Si tratta di un prodotto naturale di derivazione vegetale: viene infatti ottenuto dalla fermentazione batterica di frutta e ortaggi. È quindi adatto anche per coloro che seguono una dieta vegana.

Ha un sapore molto simile a quello dello zucchero e pertanto viene spesso utilizzato come suo sostituto nella preparazione di dolci o per dolcificare le bevande. Ha tuttavia un potere dolcificante inferiore rispetto al saccarosio, pari al 70%. Se volete utilizzare l’eritritolo come sostituto dello zucchero tenete quindi presente che per 100 grammi di saccarosio ne occorrono 130 grammi di eritritolo.

Eritritolo: proprietà e controindicazioni

Sono in molti a domandarsi se l’eritritolo fa male. Per scoprirlo basta dare un’occhiata alla tabella nutrizionale: non apporta calorie, fibre, grassi o proteine. Ha pertanto un indice glicemico pare a zero cosa che lo rende il dolcificante perfetto per i diabetici. Inoltre, i polialcoli assorbiti a livello intestinale vengono espulsi immediatamente dai reni, evitando gli effetti lassativi di altri dolcificanti.

L’eritritolo è perfetto quindi per diabetici perché non aumenta la glicemia ma è ottimo anche nelle diete ipocaloriche quando non si vuole rinunciare al piacere del dolce. È utile poi per tenere sotto controllo il colesterolo e i triglicerici e ridurre il rischio di carie. Alcuni studi poi evidenziano come l’eritritolo abbia un effetto antiossidante e sia utile nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Ma l’eritritolo ha anche delle controindicazioni. Pur non avendo effetti lassativi, un consumo eccessivo può provocare nausea e diarrea. Inoltre, dosi troppo elevate di questo dolcificante naturale possono favorire l’accumulo di grasso addominale e abituare il palato a sapori eccessivamente dolci.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 03-08-2022


Insaporitori per la carne, quali sono e come si possono utilizzare

Semi di zucca: proprietà e caratteristiche di un alimento ancora poco conosciuto