Un formaggio per tutti: le proprietà, le caratteristiche e gli usi del Grana Padano DOP

Dall’assenza di lattosio alle sue tante proprietà, sino al gusto unico e inimitabile: scopriamo tutto sul Grana Padano DOP, fra i formaggi prodotti in Italia più famosi al mondo.

Un sapore riconoscibile sin dal primo morso, grazie alla sua delicatezza e fragranza, e un colore dorato che avvolge la sua pasta dalle note giallo paglierino. Parliamo del Grana Padano, un formaggio 100% italiano a pasta dura e a denominazione di origine protetta.

Come tutti i prodotti dell’eccellenza italiana, anche per quanto riguarda questo formaggio, sono i dettagli a fare la differenza: prodotto con latte di prima qualità, sale e caglio, ai tre basilari ingredienti del Grana Padano viene aggiunto anche il lisozima, un enzima naturale estratto dall’uovo e presente nella saliva e nelle lacrime dell’uomo. Impiegato nella produzione di vari formaggi stagionati per controllare le fermentazioni indesiderate, la sua attività è assimilabile a quella di un “modulatore dei processi fermentativi”, contrastando lo sviluppo dei clostridi.

Ma anche l’occhio vuole la sua parte, e se il suo sapore è inconfondibile, a completare il quadro troviamo la sua forma perfettamente cilindrica, contornata dai bordi orlati e da una superficie leggermente convessa, per un peso che oscilla sempre tra i 24 e i 40 kg.

E ora che l’identikit è completo, scopriamo tutte le proprietà di questo delizioso formaggio!

Grana Padano
FONTE FOTO: www.granapadano.it/

Grana Padano DOP: i valori nutrizionali e le caratteristiche

Che il Grana Padano sia buono, nel vero senso del termine, non è così scontato. Perché un prodotto è davvero di qualità solo quando il sapore incontra la genuinità dei suoi ingredienti e l’essenzialità dei suoi elementi.

Cominciamo dalle vitamine: alta la presenza di Vitamine A, B2 e B12, della quale con soli 50 g è in grado di fornire il 75% del fabbisogno quotidiano del nostro organismo. Tanti anche i sali minerali, in particolare magnesio, sodio, fosforo, iodio e calcio, ma anche le proteine: pensate che in 60 g di Grana Padano possiamo trovare le stesse sostanze nutritive di un litro di latte!

Non dimentichiamo poi la totale assenza di zuccheri e la presenza di una buona percentuale di grassi “buoni” (detti insaturi) dal momento che questo formaggio viene realizzato con latte parzialmente secremato per affioramento naturale.

Per quanto riguarda le calorie del Grana Padano, infine, ogni 100 g contengono 392 Kcal. Infine, nella sua stagionatura sino a 14 mesi contribuisce ad abbassare la pressione arteriosa.

Grana Padano DOP: un formaggio senza lattosio

Fra le caratteristiche principali di questo eccellente prodotto, c’è da ricordare l’assenza di lattosio. Il Grana Padano, infatti, pur essendo realizzato con il latte, viene sottoposto a un processo di produzione che elimina gradualmente il lattosio durante la caseificazione naturale, separandolo dalla cagliata.

Una volta completata questa fase, restano nel formaggio ancora alcune tracce di lattosio, che vengono però eliminate durante la fase della formatura, durante la quale avviene la fermentazione che trasforma i disaccaridi prima in glucosio e galattosio, e poi infine in acido lattico.

Proprio per questa sua caratteristica, questo formaggio è adatto proprio a tutti, e anche chi è intollerante al lattosio può consumarlo senza problemi.

Gli usi in cucina del Grana Padano DOP

Scoperte tutte le caratteristiche, andiamo finalmente in cucina. Il Grana Padano è sicuramente ideale da grattugiare su un buon piatto di pasta, ma esistono altri modi fantasiosi di utilizzarlo per dare vita a grandi piatti.

Cominciamo dai primi: questo ingrediente è l’ideale per mantecare un buon risotto, ma è anche delizioso per insaporire zuppe e minestre. Per quanto riguarda i secondi, si abbina alla perfezione con le uova, con il tartufo e con carpacci di carne o di pesce. Se siete amanti della semplicità, provate a condire un piatto di bresaola con petali di Grana Padano, un filo d’olio e della rucola fresca.

Altra grande peculiarità di questo prodotto è che non si butta via niente! Anche la crosta, infatti, può essere riutilizzata in cucina, magari per insaporire un sugo, un brodo o una minestra. Provate anche a farla abbrustolire in forno o al microonde, e gustatela come snack o al posto dei crostini nel minestrone

Il modo migliore per gustare questo formaggio, tuttavia, resta quello di assaporarlo al naturale. Servitelo a scaglie o a cubetti durante un aperitivo fra amici, accompagnandolo ad un buon vino bianco e ad un assortimento di affettati. In questo modo esalterete con grande semplicità il sapore unico del Grana Padano.

FONTE FOTO: www.granapadano.it/

Aggiungi al ricettario

ultimo aggiornamento: 19-03-2018

X