Con la La Dieta a basso residuo è possibile imparare a mangiare i cibi più digeribili, preferendoli a quelli meno assimilabili.

La Dieta a basso residuo è molto utile per le persone che soffrono di disturbi e patologie dell’apparato digerente.

Questo regime alimentare consiste nel mangiare i cibi che possono essere più facilmente digeriti; evitando gli alimenti che invece sono meno assimilabili.

In pratica viene ridotto il consumo di fibre. Quindi questa dieta prevede di mangiare pochissimi cibi come pasta, pane, cereali integrali frutta a guscio, frutta cruda e verdure. In questo modo i movimenti intestinali vengono ridotti ai minimi termini; andando a limitare problematiche serie come diarrea, gonfiore e crampi.

Chi soffre di malattie intestinali croniche potrebbe trarre beneficio da questo regime alimentare.

Comunque è sempre bene consultare il proprio medico prima di iniziare una dieta, specialmente in presenza di patologie.

I cibi che caratterizzano una Dieta a basso residuo

Tra i cereali, possono essere mangiati quelli più raffinati come il riso ed il pane bianchi, la farina e la crema di grano, ed il riso soffiato.

Latte e latticini non contengono fibre, quindi sono amici di questo tipo di dieta. Però bisogna fare attenzione ad eventuali intolleranze alimentari al lattosio, ad esempio; per non peggiorare la situazione.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Dieta a basso residuo
Fonte foto: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1137013126385470&set

Anche la carne non contiene fibre, quindi largo alla fantasia sulla scelta di pollo, manzo, tacchino, agnello, maiale, e così via.

Frutta e verdura vanno purtroppo limitate, oltre a dover categoricamente essere sbucciate e private dai semi. Il loro elevato contenuto in fibre rende questi alimenti dei veri e propri nemici di chi soffre di malattie croniche all’intestino. Sono accettate le carote, i funghi, gli spinaci e la zucca, ad esempio; purché ben cotte. Sono completamente da evitare gli ortaggi crudi. Tra i frutti, l’avocado, la banana e il melone sono consentiti; così come la frutta cotta senza pelle né semi.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 11-05-2018


Arte, cultura e buon cibo a Palazzo Merulana

La città di Venezia pone restrizioni allo street food