Il litchi è un frutto dalla polpa bianca che deriva dalla pianta subtropicale Litchi chinensis Sonn. Scopriamone tutte le proprietà e le caratteristiche.

La pianta del Litchi è originaria della Cina e viene coltivata in Oriente, principalmente nelle zone della Thailandia, del Vietnam e del Giappone, ma anche in America e nel Sudafrica. Il suo frutto, che viene chiamato anche ciliegia della Cina, si presenta con una buccia dentellata di colore violaceo e rossastro, talvolta più chiara quando il frutto è meno maturo. L’interno, invece, è bianco e succoso e la polpa, che si distribuisce attorno ad un seme duro e dalla forma ovale, è dolce con alcune note di acidità. Per quanto riguarda le dimensioni, i litchis possono raggiungere i 5 cm di larghezza.

Questo prelibato frutto è molto antico e non poteva mancare a corte, tant’è che secondo alcune testimonianze moltissimi imperatori cinesi non potevano davvero farne a meno e facevano in modo che ce ne fossero sempre scorte abbondanti a palazzo. Successivamente il consumo si è esteso anche al resto della popolazione e già dal Sedicesimo secolo questo frutto ha cominciato a diffondersi anche in Europa. Oggi da noi si consuma in quantità ridotte e viene messo in tavola sopratutto durante il periodo delle festività natalizie.

10 ricette per tenersi in forma

litchi
FONTE FOTO: https://it.pinterest.com/pin/563020390887289253/

Litchi: proprietà e benefici

Questi piccoli frutti cinesi sono ricchissimi di vitamine B e C: basti pensare che assumendone poco più di 100 grammi si ha già il 70% della dose raccomandata di Vitamina C da assumere durante la giornata. Per di più, i litchi sono ricchi di potassio, fosforo e antiossidanti, e sono consigliati per alleviare forti mal di testa.

Inoltre, grazie all’oligonol, un polifenolo che è contenuto nella polpa di questo frutto, i litchis sono anche un ottimo rimedio per l’influenza.

Litchi: come si mangia

Sebbene il frutto litchi venga utilizzato anche in alcune ricette e preparazioni molto particolari, come ad esempio alcune insalate esotiche o bevande dissetanti, solitamente questo frutto viene mangiato al naturale. Per farlo, assicuratevi che i litchis siano maturi al punto giusto verificando la consistenza morbida e il colore della buccia, che deve aver assunto una tonalità di rosso/marrone.

Sbucciate il frutto eliminandone completamente la scorza e assaporate la polpa, il cui gusto ricorda l’uva, ma anche alcune note del moscato. E grazie alle sue note di acidità, questo frutto può essere consumato alla fine di pasti impegnativi per sgrassare la bocca.

FONTE FOTO: https://it.pinterest.com/pin/563020390887289253/

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 31-12-2017


Pasta firmata Dolce & Gabbana e altre stranezze culinarie

10 cibi che migliorano l’umore