Scopri tutte le caratteristiche del miele in favo, un alimento allo stato naturale pieno di nutrienti essenziali per la salute.

Le api sono uno degli impollinatori più importanti per la vita sulla terra. La loro tenace operatività è capace di donarci uno degli alimenti più apprezzati e benefici che si possa avere: il miele. Ma quante tipologie esistono? Differenti dal sapore e dalla consistenza, la lista può essere lunga. Partiamo dal principio parlando del miele in favo che, nella sua forma più grezza, si presenta come un alimento puro senza trattamenti artificiali.

Scopriamo insieme le sue caratteristiche e i suoi benefici!

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

Miele in favo
Miele in favo

Cos’è il miele in favo e come utilizzarlo

Sapete da dove viene il dolce miele che abitualmente gustate? Nello stato naturale il miele viene prodotto e conservato dalle api all’interno di un favo, un insieme di celle di cera dalla forma esagonale. Nelle loro “casette” esse immagazzinano miele, polline e larve chiudendo infine le fessure con dei tappi di cera. È possibile estrarre il miele asportando con un’apposita paletta il tappo di cera dalle celle per poi sottoporle a centrifuga nello smielatore.

Il miele in favo ha sicuramente un sapore più persistente e meno dolce degli altri, ma è ottimo comunque da utilizzare come dolcificante per yogurt, latte acido o per torte e crostate. Apprezzerete il suo sapore affiancato anche ai formaggi stagionati o alle insalate che contengono verdure amarognole.

Miele in favo: benefici e proprietà

Il miele in favo è un toccasana naturale per la salute. Non essendo sottoposto ai tipici processi di lavorazione industriale, esso conserva tutti gli enzimi che di solito non sono presenti dopo il riscaldamento e filtraggio del miele commerciale. Tra le sue proprietà benefiche ritroviamo una riserva di vitamine e antiossidanti, e delle proprietà antimicrobiche e antibatteriche grazie alla presenza di polline, propoli e pappa reale.

È anche molto utile per decongestionare la faringe e le alte vie respiratorie e per disinfiammare e curare le mucose. Non di meno importanza è la capacità del miele in favo di riattivare il metabolismo, stimolare le ghiandole salivari e favorire la circolazione sanguigna. Strepitoso da utilizzare come impacco per capelli secchi o come maschera per ammorbidire la pelle e per l’eliminazione di punti neri.

Conservazione

Questo tipo di miele si conserva bene per periodi molto lunghi se tenuto a bassa temperatura. Non sarà necessario metterlo in frigorifero se non quando fa molto caldo: riponetelo nel ripiano del portello in basso dove la temperatura si aggira sui 5°. Conservatelo in contenitori ermetici, di vetro o ceramica, per evitare eventuali contaminazioni e l’assorbimento degli odori di altri alimenti.

Come potremmo lasciarvi senza un’idea da testare con questo dolce alimento? Ecco a voi la ricetta della torta alveare!

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 25-06-2022


Cena a base di pesce: quali cocktail abbinare?

Differenza tra fumetto e bisque: procedimenti e piccoli segreti