Un gruppi di ricercatori negli Stati Uniti ha creato una pancetta vegana a base di alghe: l’obbiettivo è un futuro più sostenibile.

Due ragazze e due ragazzi americani, i fondatori della start up “Umaro Foods“, hanno creato un bacon che ha al suo interno tutto tranne che il maiale. In effetti, non c’è proprio alcuna traccia di carne: è una pancetta vegana, no-meat. Non sono presenti neanche tracce di grassi e proteine ​​animali. Cosa compone quindi questa pancetta? Un tipo specifico di alga rossa.

Pancetta vegana: niente maiale, solo alghe

Sono quattro giovani ricercatori statunitensi le menti dietro a questo nuovo prodotto: Beth Zotter (imprenditrice tecnologica), Amanda Stiles (biochimica vegetale), Royal Sayewitz (chef professionista del cibo sostenibile) e Tim Arapov (microbiologo). Da quello che dicono, sono riusciti a ricreare il gusto del bacon affumicato e croccante. E non è tutto: oltre a queste alghe rosse, questo bacon, coltivato nella baia di San Francisco, ha tra i suoi ingredienti: ceci (fondamentali per l’apporto proteico), estratto di muschio, olio di cocco, olio di girasole, aroma naturale (paprica), colorante vegetale (succo di ravanello), zucchero di canna e sale marino.

Il bacon alle alghe ha riscontrato subito un notevole successo sulla costa occidentale degli Stati Uniti: attualmente lo utilizzano 9 dei 19 ristoranti americani che servono il bacon vegano.

Perché inventare il bacon vegano?

Una domanda potrebbe sorgere spontanea: come mai creare una pancetta senza carne? Per il bene del pianeta, perché ridurre il consumo di carne suina significa limitare l’espansione di una delle multinazionali zootecniche più grandi e inquinanti, rallentando e limitando la nascita di nuovi allevamenti intensivi. Se funziona negli Stati Uniti, dove le colazioni sono rigorosamente a base di uova e pancetta, potrebbe anche convincere molti chef italiani a provare la carbonara vegana.

Uno degli inventori del bacon alle alghe è Amanda Stiles, che è anche a capo di un gruppo di ricerca che produce proteine ​​​​di piselli per prodotti lattiero-caseari a base vegetale. In effetti, la riduzione dei grassi è così intensa che eviterà qualsiasi aumento dei livelli di colesterolo nel sangue, andando quindi a beneficiare sulla salute.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 21-11-2022


Re Carlo III va matto per… i biscotti all’avena!

Ecco la classifica degli chef con più stelle Michelin in Italia