Per combattere gli sprechi, un ristorante a Stoccarda offre un menù vegano completo servito senza piatti direttamente sul tavolo.

In Germania esiste un ristorante che offre un’esperienza insolita anti spreco: servire le pietanze ma senza l’utilizzo di piatti. Si chiama Heaven’s Kitchen ed è stato fondato dalla chef tedesca Tanja Goldstein, che ha avuto l’idea di ridurre gli sprechi nel suo ristorante servendo direttamente sui tavoli.

Cibo servito senza piatto
Cibo servito senza piatto

10 ricette detox per tornare in forma

Il ristorante che combatte gli sprechi

Tanja Goldstein ha inaugurato il suo ristorante vegano, Heaven’s Kitchen, a Stoccarda nell’autunno del 2022. Inizialmente era nato come caffè vegano con soli otto dipendenti e seguiva una visione completamente senza rifiuti. Oggi, con oltre 50 dipendenti, il locale si è trasformato offrendo anche un sofisticato menù serale chiamato “Heaven’s 7 Senses“.

Questo menù viene definito una vera e propria esperienza, un percorso degustazione di cucina raffinata diventando in poco tempo molto popolare sui social media di tutto il mondo. Questo è dovuto al fatto che, per combattere al massimo gli sprechi all’interno del ristorante, le pietanze sono servite in maniera insolita: senza piatti, direttamente sul tavolo su carta da forno compostabile.

La proprietaria spiega, innanzitutto, che adottare un’alimentazione vegana contribuisce a ridurre gli sprechi alimentari di circa il 40%. Inoltre, l’utilizzo della carta da forno al posto dei piatti durante la serata consente un notevole risparmio d’acqua, perché permette di non avviare la lavastoviglie più volte ogni sera. Con la sua visione, Tanja desidera dimostrare che è possibile gestire un ristorante rispettando l’ambiente e la comunità.

Le parole della proprietaria

Tanja Goldstein, proprietaria e ideatrice del ristorante, spiega come funziona l’esperienza anti-spreco “Non avremmo mai potuto servire un pasto di tre portate per così tante persone dalla nostra piccola cucina. È stato chiaro fin dall’inizio che tutto il cibo doveva arrivare in una volta sola. Passiamo con i carrelli tavolo per tavolo: con i guanti serviamo le pietanze su carta da forno compostabile, sistemata sui tavoli. La filosofia del ristorante è zero sprechi.” Come mostrano alcuni video sul loro profilo Instagram, i piatti sono direttamente composti sul tavolo, davanti ai clienti.

Continua poi dicendo “Cuciniamo solo cibo che viene preparato sul momento, quindi abbiamo davvero ridotto gli sprechi. Se usassimo i piatti dovremmo far funzionare la lavastoviglie circa 60 volte a sera: se facciamo una media, risparmiamo 20mila litri d’acqua all’anno“.

Il loro obiettivo è quello di mettere il cliente di fronte alla loro visione di sostenibilità e comunicare quanto sia deliziosa la cucina vegana, facendo avvicinare a questo mondo anche coloro che non l’hanno mai provata.

Riproduzione riservata © 2024 - PC

ultimo aggiornamento: 18-01-2024


Evoluzione Naturale 2024: l’evento dedicato ai vini naturali torna a Grottaglie

Jeff Bezos a Milano: pizza da Sorbillo con la famiglia