Conosciuto in tutto il mondo come salak, questo particolare frutto contiene tante proprietà benefiche per l’organismo.

Il nome scientifico è Salacca zalacca, ma da tutti è chiamato salak. Stiamo parlando di un particolarissimo frutto, sia nell’aspetto che nel sapore. Proprio per le sue sembianze è anche detto snake fruit, perché ricorda molto la pelle di un serpente. Tuttavia, è una sorta di frutto tropicale nella cui polpa convergono più sapori insieme. Caratterizzato da tante proprietà benefiche, scopriamo tutti i segreti di questo prodotto esotico.

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

Salak
Salak

Le caratteristiche del salak

Il salak è un frutto inconfondibile per il suo aspetto. La forma tipica è a goccia, mentre il colore è tra il bruno e il rossiccio. La sua scorza esterna è molto spessa e per la conformazione ricorda molto le squame di un serpente. Ad ogni modo, si tratta di un frutto esotico e coltivato, principalmente, in Indonesia e Malesia.

La sua polpa è divisa in tre sezioni, ciascuna contenente un seme e divisa dalle altre attraverso una membrana. Il sapore di questo frutto serpente è molto particolare e, al primo assaggio, sembra essere a una via di mezzo tra dolce e aspro. Caratterizzato da un retrogusto agrumato, il suo sapore sembra essere un mix tra il gusto dell’ananas e quello del miele.

I benefici del salak

Nonostante sia poco diffuso oltre il confine asiatico, questo frutto è caratterizzato da molte proprietà benefiche per l’organismo umano. Tra queste c’è un alto contenuto di flavonoidi e di acido ascorbico. Soprattutto, è apprezzato per le sue proprietà antiossidanti, che facilitano la depurazione dell’organismo e il benessere dell’articolazione. Utile anche per contrastare l’invecchiamento cellulare, è soprattutto particolare per il suo alto contenuto di ferro. Come molti altri frutti, invece, tra le proprietà del salak ci sono vitamina A, potassio e tante fibre.

Gli usi in cucina di questo frutto

Lo snake fruit è molto saporito e può essere mangiato da solo, dopo aver tolto la buccia esterna e la membrana. Inoltre, può essere incluso in una particolare macedonia, donando un retrogusto tropicale alla ricetta. Per i suoi utilizzi in cucina viene usata solo la polpa. Potete usarla per servire della frutta caramellata o creare degli snack di frutta essiccata. Ottima anche nella versione bollita o fritta, potete ridurre la sua polpa in chutney, una particolare salsa asiatica.

Ed ecco un’altra particolarità: la mela nera tibetana.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 27-06-2022


Differenza tra fumetto e bisque: procedimenti e piccoli segreti

Caffè dello studente: di cosa si tratta e come prepararlo