Sul mercato è arrivata una nuova bevanda. Si chiama tè Zelensky ed è definita molto forte.

Un’azienda indiana dal nome Aromatic Tea ha lanciato sul mercato un nuovo tè.
Si tratta di una selezione di foglie volte a dare un’aroma molto forte alla bevanda. Il particolare che ha sorpreso, però, non è tanto il sapore (definito comunque buonissimo da chi l’ha provato) quanto il nome che è stato scelto e che è quello di Tè Zelensky.

Un omaggio al presidente ucraino Volodymyr Zelensky e alla sua forza che, come suggerito dal titolare stesso dell’azienda, ben si adatta alle caratteristiche del nuovo tè.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

tazza di tè con bandiera ucraina
tazza di tè con bandiera ucraina

Cos’è il tè Zelensky

Come già accennato, questo tè nero è una miscela di foglie scelte appositamente per donare un sapore particolarmente forte alla bevanda. La stessa, infatti, è stata pubblicizzata come “really strong” proprio per evidenziare l’aspetto del gusto. Un gusto destinato a rimanere impresso proprio per la sua grinta e, ovviamente, per il sapore più che gradevole.

Commercializzato ormai da una settimana, il tè Zelensky (sulla confezione ripotato come Tè Zelenskyy – really strong), al momento è in vendita solo online a poco più di un euro a confezione.
La scelta di chiamarlo come il premier ucraino, lo ha già reso particolarmente noto e simpatico alla maggior parte delle persone che ne hanno sentito parlare e che hanno così iniziato a condividerlo sul web aumentandone, di fatto, la popolarità.

Com’è nata l’idea del té del presidente

L’idea si deve tutta al titolare della start-up indiana che, intervistato dalla stampa, ha spiegato di aver subito paragonato la forza del suo tè nero a quella del presidente ucraino al quale ha così deciso di rendere omaggio. Come lo stesso Ranjit Barua ha affermato, quindi, si tratta di un tè dedicato a qualcuno che si è mostrato forte in un momento di vulnerabilità, dando un esempio concreto al mondo. Una scelta istintiva e per la quale Barua non si aspettava un tale ritorno mediatico.

Motivo per cui, come lui stesso ha già affermato in più di un’intervista, il prossimo step che sta valutando seriamente, potrebbe essere quello di prendere parte attivamente ad una delle tante organizzazioni che si stanno battendo per aiutare il popolo ucraino. E tutto offrendo loro una parte dei profitti arrivata dal tè, il cui successo si deve, almeno in parte, anche al nome altisonante.

Se siete degli amanti di questa bevanda potrebbe interessarvi conoscere le dritte per coltivare il tè a casa.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 24-03-2022


Nonnapaperina.it: il punto di riferimento online per chi soffre di intolleranze alimentari

Cibi surgelati: perché possono essere migliori dei freschi