Scopriamo tutti gli usi, le proprietà e le controindicazioni dell’agave, la conosciutissima pianta ornamentale originaria dell’America Centrale.

L’agave americana è una pianta che appartiene al genere delle Succulente monocotiledoni, della famiglia delle Agavaceae. È molto conosciuta per le sue proprietà benefiche e ormai molto utilizzata in diversi ambiti. Pensate che il suo uso medico è da far risalire ai tempi degli Aztechi, che la chiamavano L’albero delle meraviglie e la utilizzavano come alimento, ma anche come sciroppo o come cibo per gli animali.

Oggi i suoi utilizzi sono tantissimi, dalla tequila al dolcificante, passando anche per una serie di prodotti che vengono realizzati con le fibre ricavate dalle foglie: cappelli, tappeti, borse, corde, reti e tanto altro ancora.

Insomma, che ne dite, andiamo a scoprirne di più e a conoscere meglio questa pianta? Allora seguiteci!

Le proprietà dell’agave: benefici e caratteristiche

Conosciuta ai più come pianta ornamentale, di questa pianta perenne ne esistono diverse varietà le cui foglie, fibrose e carnose, sono dotate di una spina apicale. Ma sono tante anche le proprietà di cui è portatrice: aiuta il sistema immunitario, favorisce il senso di sazietà e per questo motivo è particolarmente apprezzata da chi segue una dieta.

Inoltre ha un indice glicemico molto basso che la rende adatta per i diabetici e il calcio presente al suo interno contribuisce a rafforzare le ossa; a questo va aggiunta la presenza di sali minerali come calcio, ferro e magnesio, ed è dunque anche un ottimo rimedio contro l’osteoporosi.

Proprio come un tempo, ancora oggi la polpa viene utilizzata per dare vita a sapone naturale, oppure per curare ferite della pelle, fastidi o anche malattie infettive e disturbi legati alla digestione.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Sciroppo di agave
Sciroppo di agave

Sciroppo d’agave: proprietà

L’uso sicuramente più comune di questa pianta è quello sottoforma di succo di agave come dolcificante per insaporire bevande di ogni tipo. La sua solubilità rende lo sciroppo adatto anche alla preparazione di dolci come torte, crostate e pasticcini.

Grazie alla presenza di sali minerali lo sciroppo ha una azione remineralizzante e nonostante la presenza del fruttosio, questo sciroppo ha un indice glicemico più basso rispetto ad altri zuccheri come il miele o la stevia.

Insomma, in generale questo dolcificante di agave può essere usato come sostituto dello zucchero in moltissime ricette o come dolcificante naturale per le bevande. Nella preparazione di dolci e dessert lo sciroppo va utilizzato in minor quantità rispetto allo zucchero. Vi basterà ricordare che 75 g di sciroppo dolcificano come 100 g di zucchero.

Agave: controindicazioni e curiosità

Nonostante i numerosi vantaggi è importante ricordare che il succo che noi troviamo in commercio è un prodotto ottenuto dall’amido della radice del bulbo della pianta e spesso viene elaborato e trattato chimicamente, un processo che annulla i valori nutritivi della pianta dell’agave. Il succo prodotto industrialmente, infatti, potrebbe contenere elevate quantità di fruttosio andando a contrastare gli effetti benefici dello sciroppo ottenuto in modo naturale. Tenete presente che lo sciroppo con valore più basso di fruttosio ricavato da nettare di agave è intorno al 55%, ma si arriva anche sino al 92%.

Inoltre è bene ricordare che in alcune specie la linfa fresca contiene sostanze dannose per la pelle, e che a contatto con la cute possono causare dermatiti o fastidi.

Per quanto riguarda l’assunzione, si consiglia di non andare oltre i 25 grammi al giorno.

Dove vengono coltivate le agavi: dal fiore alla pianta

Agave
Agave

Le agavi, come abbiamo detto, crescono spontaneamente nel nord America, nella parte settentrionale dell’America Centrale e in numerose isole caraibiche, nonché in Messico. In Italia, invece, possiamo trovarle più verso le zone a Sud, specialmente se si tratta di luoghi naturali sabbiosi, incolti, vicino alla costa.

Pensate che prima di fiorire la pianta ci mette… addirittura cinquantanni! A dire il vero il tempo di fioritura va dai 10 ai 50 anni, e una volta spuntati i fiori, ecco che muore.

Non tutti sanno, inoltre, che esiste anche l’agave blu: questa pianta, se viene coltivata durante stagioni più fredde, assume infatti dei colori che vanno da tonalità di blu al verde chiaro e al viola. È proprio questa varietà che si utilizza per preparare la tequila, la celebre bevanda messicana!

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 26-03-2019


Nasce Nero, il sake italiano a base di riso vercellese

Arriva Safefood: il laser per scoprire le contaminazioni alimentari!