Dalla Svizzera arrivano le mele frizzanti

Dalla Svizzera arrivano le mele frizzanti: un tipo di mela, la Paradis Sparkling, che in bocca frizza come una bibita gassata

chiudi

Caricamento Player...

Per quanto assurdo possa sembrare, un gruppo di ricercatori svizzeri, dopo dieci anni di studi, è riuscito a creare una nuova varietà di mele: la Paradis Sparkling, la cui particolarità è quella di frizzare in bocca. Le cosiddette mele frizzanti non sono l’ultimo prodotto chimico dell’industria alimentare, ma sono frutto dell’incrocio di due mele diverse, le tedesche Resi, e le inglesi Pirouette.

Tutta questione di equilibrio tra zuccheri e acidi

Il gusto frizzante della mela Paradis Sparkling non è merito di una strana nuova tecnologia ai limite della fantascienza, ma è tutta una questione di equilibrio tra l’acidulo e lo zuccherino della mela.

Il gusto frizzante della mela si sprigiona solamente quando la si mastica: non basterà quindi ricavare il succo della mela Paradis Sparkling per avere una bibita frizzante pronta ogni volta che ci va di guastare qualcosa di brioso.

“Una mela è pur sempre una mela, ma non in questo caso. La nostra nuova varietà Paradis Sparkling è diversa. Così diversa proprio a partire da come il suo nome la descrive: Sparkling esplode in bocca. Quando le sue cellule rilasciano il succo, è come se entrasse in gioco dell’anidride carbonica. Per dirlo con un’analogia: Paradis Sparkling è la prima mela che non è liscia, ma frizzante”, dichiarano i ricercatori.

Nel 2006, quando si iniziò a parlare di una mela frizzante, l’idea non era particolarmente attraente, anche perché è piuttosto irregolare come frutto, nello stesso albero possiamo trovare mele molto grandi e mele medie, il suo colore e la striatura sono irregolari, e non ha un vero e proprio periodo di raccolta. Oggi le cose sono ben diverse, e persino quei difetti, non sono più considerati tali nè un deterrente per l’acquisto di alberi Paradis Sparkling.

Se siete curiosi, trovate le piante qui, per circa 45 euro.

Fonte immagine: Pinterest

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!