Nuovi studi sul cioccolato confermano la tesi che fa davvero bene al cuore.

I flavonoidi contenuti nel cioccolato, e in particolare nel cioccolato fondente, hanno davvero la capacità di abbassare il rischio di malattie dell’apparato cardiovascolare, migliorando la funzione dei vasi sanguigni sani.

Lo studio del Flaviola Health, pubblicato sulla rivista BJN, ha dimostrato che il consumo quotidiano del cacao, e quindi l’assunzione dei suoi flavonoidi, migliora in modo significativo la salute cardiovascolare, in particolare modo nei soggetti a rischio.

I soggetti a rischio di patologie dell’apparato cardiovascolare sono i fumatori, le persone che soffrono di ipertensione, e chi ha già avuto problemi di questo tipo, ossia al cuore, in passato.

Mousse cake al cioccolato

Leggi anche: Torta morbida al cioccolato e lampone.

Questi antiossidanti, contenuti nel cioccolato fondente, si sono rivelati efficaci nel rallentare i cambiamenti dei vasi sanguigni, legati all’età, riducendo quindi i rischi di malfunzionamenti.

Leggi anche: Come fare pan di spagna al cioccolato.

Il problema, però, e che il cioccolato fondente, durante la lavorazione industriale, perde gran parte dei suoi flavonoidi, e quindi degli antiossidanti che tanto fanno bene alla salute: inoltre c’è una aggiunta di zuccheri e di grassi che possono vanificare la salubrità della materia prima. Questo significa che mangiare prodotti al cioccolato non apporta benefici, tanto è vero che il team del Flaviola Health sta studiando e facendo esperimenti per mettere a punto delle bevande al cacao che invece non risentono dei trattamenti industriali, mantenendo le sostanze benefiche. Bevande che in futuro, naturalmente, potrebbero essere in commercio.

Leggi anche: Dolce fiore al cioccolato con panna e ciliegie al maraschino.

Insomma, in futuro potrebbe bastare una di queste bevande al cioccolato al giorno per ridurre i rischi di malattie al cuore. In un certo senso questo andrebbe a realizzare il sogno di molti: bere del buon cioccolato per stare bene!


Nasce la prima pizza geotermica: “rivoluzione” a Napoli

Di Marchesi ce n’è uno