Si chiama Line ed è una nuova birra blu, una trovata di un birrificio francese che ha già incuriosito tutti.

Non ci crederete, ma è tutto vero: la birra blu è ora realtà. In commercio, c’è una nuova bevanda che rapisce gli occhi di tutti grazie al suo colore, perché la sua colorazione deriva da un prodotto tutto naturale. A colorarla, ci pensa l’alga spirulina che, attraverso vari tentativi, è stata abilmente integrata in nella ricetta di una birra, che ha il consueto gusto di una bevanda luppolata ma è totalmente diversa nell’aspetto. La creazione di Line si deve al birrificio Hoppy Urban Brew, situato in Francia.

10 ricette per tenersi in forma

Birra blu
Birra blu

Come nasce la birra blu francese

La nascita di questo prodotto è avvenuta in un birrificio francese vicino a Lille, ovvero Hoppy Urban Brew. In collaborazione con l’azienda Etika Spirulina, sono riusciti a creare una bevanda tutta alternativa e colorata. Si tratta di una birra blu a base di alghe, denominata Line, il cui componente base è la spirulina. Questa tipologia di alga possiede un alto contenuto di ficocianina, un pigmento proteico che assume un ruolo importante durante la lavorazione di questo prodotto; proprio questa sostanza conferisce colore alla bevanda.

L’idea, come confermato dai produttori stessi, arriva dal desiderio di elevare a superfood l’alga spirulina, considerata un integratore utile all’organismo. Questo ingrediente ha notevoli proprietà antinfiammatorie e antiossidanti. Tuttavia, il suo contenuto nella bevanda non è notevole: in particolar modo, è la ficocianina ad essere usata, per dare colore al risultato finale.

La birra blu fatta con l’alga, dove trovarla?

La produzione di questo prodotto è cominciata nel 2020. Solamente lo scorso anno, tra ottobre e dicembre sono state vendute 1.500 bottiglie di questa bevanda. Cominciata come una produzione locale, questa lavorazione è destinata a ingrandirsi perché ha già suscitato la curiosità dei beer lovers di tutta Europa. Attualmente, è in commercio nella zona di origine in bottiglie da 33 cl., ad un prezzo di 3 euro cadauno.

Ad attirare l’attenzione di tutti è sicuramente il suo aspetto colorato, ma il prodotto ha successo anche grazie al suo sapore. Si tratta di una birra luppolata e leggera, diversa solamente nel colore ma uguale alle altre in termini di gusto. Per questo motivo, viene gustata con piacere e viene richiesta dal mercato in quantità sempre maggiori.

Un’altra particolare bevanda: il mojito analcolico.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 10-05-2022


Mela nera tibetana, la mela più rara e cara del mondo

Come cucinare in vasocottura? Consigli e indicazioni