Camerieri: ecco le cose che li fanno davvero arrabbiare

A volte viene sottovalutata la pazienza dei camerieri di fronte a situazioni che darebbero sui nervi a chiunque

chiudi

Caricamento Player...

Spesso, quando si è clienti di bar o ristoranti, non ci si rende conto di quanti comportamenti o atteggiamenti, possano essere famosi o dare fastidio ai camerieri che servono ai tavoli. Si tratta di principalmente di buone maniere, educazione e rispetto per il lavoro degli altri, soprattutto di chi si occupa di garantire il miglior servizio possibile durante il vostro break o la vostra cena fuori. I camerieri sono tenuti a rispondere sempre educatamente alle richieste dei clienti ma a volte si trovano ad avere a che fare con situazioni davvero snervanti e sono costretti a mantenere la calma, nonostante la rabbia esploda dentro di loro.

Le 5 cose più fastidiose secondo i camerieri

  1. Tra le cose più fastidiose per i camerieri, i sono quei clienti che vorrebbero assolutamente scherzare e fare battute brutte o di cattivo gusto che non fanno ridere nessuno, tanto meno il cameriere che è costretto a ridere per educazione e intanto rischia di perdere troppo tempo tra un’ordinazione e l’altra.
  2. I clienti che tengono il tempo e chiedono di fare in fretta anche quando il locale è visibilmente affollato, soprattutto durante le pausa pranzo, quando tutti vogliono la stessa cosa nello stesso momento.
  3. Le grandi tavolate rumorose e disorganizzate, dove la maggior parte delle volte c’è qualcuno che ha dimenticato cosa ha ordinato e non risponde alle richieste del cameriere che cerca disperatamente di capire di chi sia il piatto.
  4. Una cosa fastidiosissima sono i clienti che riducono il tavolo a un campo di battaglia, con tovaglioli strappati ovunque  e pezzetti di cibo in ogni angolo: pulire una cosa del genere, oltre a essere disgustoso, fa perdere moltissimo tempo.
  5. Chiamare il cameriere per le ordinazioni senza ancora avere deciso, costringendolo a guardarvi mentre consultate con tutta calma il menù.

 

 

 

 

Fonte foto: Wikipedia