Ingredienti:
• 1 kg di mandorle pelate
• 1 kg di mandorle a lamelle
• 3.9 kg di zucchero semolato
• acqua q.b.
• 4 bicchieri di acqua di fiori di arancio
• 300 g di zucchero a velo
• 1/2 limone (solo succo)
• 1 albume
difficoltà: difficile
persone: 12
preparazione: 90 min
cottura: 60 min

Preparare i candelaus in casa richiede un po’ di fatica ma possiamo garantirvi che il risultato ripagherà tutte le vostre fatiche.

I candelaus sardi, o meglio is candelaus, sono un dolce tipico della zona di Quartu Sant’Elena la cui produzione si è ormai diffusa in tutto il Campidano. Vengono definiti “druccis fini” per via dell’elegante decorazione a base di ghiaccia reale che ne ricopre la superficie. Tutta questa eleganza però non è certo un caso: i candelaus di mandorle sono infatti il dolce per eccellenza delle grandi occasioni, dai matrimoni ai battesimi passando per i fidanzamenti.

Originariamente venivano preparati dalle famiglie più benestanti, proprietarie di mandorleti, e il motivo è presto detto: le mandorle, insieme allo zucchero, sono le protagoniste dei candelaus. La preparazione richiede un po’ di pazienza e un ingente quantitativo di mandorle, cosa che rende i candelaus uno dei dolci sardi più costosi, ma possiamo garantirvi che all’assaggio dimenticherete tutto quello che è successo prima.

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

Dolcetti candelaus
Dolcetti candelaus

Come preparare i candelaus con la ricetta originale sarda

  1. Per prima cosa preparate la pasta reale (potete anche acquistarla già pronta). Per prima cosa riducete in farina 1 kg di mandorle.
  2. In una pentola riunite 600 g di zucchero semolato, 3 bicchieri si acqua e 1 bicchiere di acqua di fiori di arancio. Lasciate cuocere fino a ottenere uno sciroppo filato ossia un composto che se preso tra due dita formi un filo di circa mezzo centimetro prima di rompersi.
  3. Unite poi le mandorle, mescolando bene, e lasciate raffreddare l’impasto.
  4. A mano, modellate dei contenitori di forma a piacere: vanno bene cestini, bicchierini e tutto quanto la vostra fantasia vi suggerisce. Tenete conto che dovranno accogliere un ripieno.
  5. Lasciateli asciugare all’aria per 2 giorni poi passateli in forno a 50°C per 2 ore.
  6. Trascorsi i due giorni preparate la glassa versando 1 kg di zucchero in una casseruola insieme a 600 ml di acqua.
  7. Profumate con qualche goccia di fiori di arancio e lasciate cuocere come prima. Questa volta il filo che si deve formare prendendone una piccola quantità tra le dita deve essere più lungo, circa 1 cm.
  8. Una volta pronto, spennellate i cestini esternamente per due volte, aspettando che asciughi tra una e l’altra.
  9. È arrivato il momento di dedicarci al ripieno. Riunite in una casseruola 1.3 kg di zucchero e versate tanta acqua quanta ne occorre a coprirlo per mezzo centimetro.
  10. Profumate con 3 cucchiai di acqua di fiori di arancio, unite le mandorle a lamelle e lasciate cuocere a fiamma bassa per 20 minuti, prestando attenzione che il tutto non si asciughi eccessivamente.
  11. Una volta pronto, lasciatelo raffreddare prima di riempire con questo composto i vostri cestini.
  12. Preparate ora una glassa con 1 kg di zucchero, 600 ml di acqua e qualche cucchiaio di acqua di fiori di arancio.
  13. Una volta addensata, coprite con due strati la calotta dei candelaus, aspettando che asciughino tra una e l’altra.
  14. Una volta che la superficie sarà bella liscia e asciutta procedete con l’ultima decorazione con la glassa reale preparata sciogliendo lo zucchero a velo con il succo di limone e l’albume d’uovo. Per delle decorazioni più precise vi consigliamo di utilizzare un cornetto di carta forno una penna per dolci.

I candelaus non sono certo l’unica prelibatezza di questa regione. Provate anche gli altri dolci sardi che abbiamo selezionato per voi e scoprirete un mondo nuovo di sapori.

Conservazione

I candelaus, i dolci sardi più sontuosi in assoluto, si conservano anche per un paio di settimane in un contenitore a chiusura ermetica. Teneteli però lontani da fonti di calore o tenderanno a sciogliersi.

2/5 (2 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 02-11-2021


Vellutata di lenticchie: un piatto gustoso e salutare!

Cos’è la pasta da riporto: come prepararla e utilizzi