Kobe e Wagyu, le pregiate carni giapponesi conquistano il mondo dell’alta ristorazione. Ecco quali sono le caratteristiche e perché sono così ricercate.

Con tutta probabilità, la prima volta che avete sentito parlare di carne Kobe e Wagyu è stato durante uno show cooking di qualche famoso chef oppure durante i vari talent di cucina in onda. Chiedersi cosa sia quella carne dalla particolare venatura bianca è del tutto lecito dal momento che è molto diversa dai tagli a cui siamo abituati. Vediamo di capire quali sono le caratteristiche della carne Kobe e Wagyu!

Manzo Wagyu: cos’è e quali sono le sue caratteristiche

Tradotto letteralmente, wagyu significa bovino (gyu) giapponese (wa) e la sua “nascita” risale al periodo Edo (tra il 1600 e il 1800) durante il quale venne introdotto il divieto di consumare carne di animali a quattro zampe. Le mucche, così come altri animali da cortile, vennero destinati al lavoro nei campi e questo portò alla formazione di riserve di grasso intramuscolare.

10 ricette per tenersi in forma

Manzo Wagyu e Kobe
Manzo Wagyu e Kobe

La marmorizzazione, anche chiamata marezzatura, è ciò che contraddistingue la carne Wagyu. Si ottiene dai bovini di quattro razze differenti: Japanese Shorthorn, Japanese Black, Japanese Brown/Red e Japanese Polled anche se quasi tutta la totalità del manzo wagyu si ottiene dalla Japanese Black.

A lungo allevata solo in Giappone, in tempi recenti è stata introdotta anche in USA, Canada, Scozia e Italia per far fronte alla crescente richiesta di questo prodotto pregiato.

E il manzo Kobe?

Il manzo Kobe è Wagyu perché abbiamo visto che con questo termine si indica genericamente la carne bovina giapponese, ma non tutto il Wagyu è Kobe. Questa pregiata varietà di carne infatti deve rispettare un rigido disciplinare di produzione.

Kobe infatti è un marchio registrato e per ottenere la certificazione deve sottostare a una serie di regole. Innanzitutto l’animale deve essere nato, macellato e venduto nella prefettura di Hyogo, la cui capitale è per l’appunto Kobe. Poi la mucca deve appartenere alla razza Tajima a manto nero, deve essere vergine e non aver mai partorito oppure, nel caso del manzo, essere castrato.

Deve avere un‘età compresa tra i 28 e i 60 mesi e un peso inferiore ai 470 kg. In ultimo, il rapporto di marezzatura deve essere di sesto livello o superiore.

Consumata solitamente al sangue, solo in tempi recenti è diventata protagonista di pregiate varietà di salumi nonché del ripieno di alcuni tipi di pasta fresca.

Ecco i nostri consigli per cuocere la carne!

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

consigli alimentari

ultimo aggiornamento: 26-07-2019


Gelato nero: il nuovo food trend di Instagram arriva dall’America

La carbonara, l’amatriciana, la cacio e pepe e altri 7 piatti imperdibili da mangiare a Roma