Scopri la straordinaria carriera di Andreas Caminada, chef svizzero di fama mondiale.

Dalla biografia agli innumerevoli riconoscimenti, immergiamoci nell’atmosfera unica del suo ristorante, dove prezzi e caratteristiche si fondono per creare un’esperienza culinaria senza pari. Scopriamo tutto su Andreas Caminada: la carriera, la vita privata dietro i fornelli e alcune curiosità che rendono lo chef del Cantone dei Grigioni, nella Svizzera tedesca, un protagonista indiscusso della gastronomia internazionale.

Andreas Caminada
Andreas Caminada

Biografia e Carriera

Nato il 6 maggio 1977 (Toro) a Sagogn in Svizzera, da genitori molto lontani dal mondo della ristorazione: la mamma faceva la sarta mentre il padre era trasportatore. Andreas Caminada ha dimostrato però fin da giovane un interesse precoce per la cucina. Ha iniziato la sua formazione gastronomica presso l’Hotel Signina a Laax, dove ha completato con successo il suo apprendistato di cucina nel 1996. Da quel momento fino a marzo 1998, ha svolto diverse mansioni, dal ruolo di pâtissier a chef entremetier, fino a diventare chef tournant.

Come pesare la pasta
e il riso senza bilancia?

A partire da giugno 1998, Caminada ha intrapreso un percorso culinario eccezionale, arricchendo la sua esperienza presso alcuni dei più prestigiosi ristoranti in Svizzera, per poi passare in Austria e perfino oltreoceano, in Canada. Ha ricoperto ruoli di rilievo, tra cui pâtissier e tournant presso l’Hotel Walserhof a Klosters, chef gardemanger all’Hotel Deuring Schlössle a Bregenz, e chef tournant al rinomato ristorante Bareiss a Baiersbronn. Tutta questa esperienza lo porta a tornare in patria, all’età di 26 anni, con la passione per la cucina più forte che mai. Vicino ai luoghi di casa acquista un castello abbandonato che accudisce con amore, fino a ottenere le 3 stelle Michelin a soli 34 anni e 19 punti Gault & Millau.

La sua dedizione nell’ambiente lo ha reso molto famoso, in Svizzera e all’estero. Ha infatti preso parte al programma MasterChef Schweiz come giudice ed è stato ospite diverse volte nelle stagioni di MasterChef Italia: nel 2018, nel 2022 e nella finale della tredicesima edizione nel 2024.

Oltre alla cucina Andreas Caminada è un vero e proprio imprenditore: sono infatti altri 2 i ristoranti dello chef, il ristorante vegetariano OZ e il ristorante gourmet e boutique Hotel Mammertsberg. Ha poi aperto un servizio di catering “acasa Catering”, possiede una rivista chiamata proprio Caminada e detiene un secondo marchio di ristoranti IGNIV.

Con la moglie Sarah Caminada, hanno creato nel 2016 la Fondazione Uccelin, un luogo dove aiutare giovani talenti nel campo gastronomico con l’obiettivo di promuovere chef motivati ​​e appassionati.

Il ristorante tre stelle di Andreas Caminada

Le 3 stelle Michelin le ha ottenute il suo ristorante Schloss Schauenstein, a Fürstenau (sempre in Svizzera, nel cantone dei Grigioni) dipinta come la città più piccola del mondo con un numero totale di abitanti che non raggiunge neanche le 400 unità. Il castello ha aperto il 5 dicembre 2003, è immerso nel verde e, negli anni, chef Caminada ha tirato su una nutrita brigata che conta circa 40 persone. I numeri sono sconvolgenti, ma che fanno capire quanto la filosofia e la passione dello chef per questa professione sia autentica.

Vicino al castello, poi, è stato creato un orto, dove Andreas Caminada e tutto il team coltivano erbe, frutta e verdura da utilizzare nella realizzazione dei piatti stellati.

I prezzi del locale sono sicuramente importanti: sia a pranzo che a cena è possibile scegliere tra un menù da 3 portate al prezzo di 259 franchi svizzeri a persona, da 4 portate al prezzo di 292 franchi svizzeri oppure da 5 portate per un prezzo di 311 franchi svizzeri a persona. Al menù è poi possibile abbinare un percorso vino che viene 186 franchi svizzeri a persona, oppure un accompagnamento con bevande analcoliche a 110 franchi svizzeri a persona.


I prezzi, come avete visto, rispecchiano l’esclusività dell’esperienza, ma aprono le porte a un viaggio gastronomico unico. Dai piatti sontuosamente presentati alle combinazioni di sapori avanguardistiche, ogni boccone è un’esperienza sensoriale. L’atmosfera del ristorante è un equilibrio tra eleganza senza tempo e moderna creatività culinaria.

Riconoscimenti dello chef

Gli elogi e i riconoscimenti hanno costellato la carriera di Andreas Caminada, la sua costante ricerca della perfezione lo ha reso un punto di riferimento per gli amanti della buona cucina in tutto il mondo. I numerosi premi sono la testimonianza di un impegno senza compromessi verso l’arte culinaria.

Nel 2005 ha ottenuto la prima stella e 15 punti Gault Millau, mentre sono 16 punti nel 2006 e 17 punti nel 2007. Nel 2008 la guida Gault Millau nomina Caminada Chef dell’anno e gli assegna 18 punti. Anche la Guida Bertelsmann lo nomina Chef dell’anno mentre la Guida Michelin lo premia con la seconda stella.

Nel 2010 viene nominato nuovamente Chef dell’anno dalla Guida Gault Millau e gli vengono assegnati 19 punti, ma la vera svolta è nel 2011 quando ottiene la terza stella Michelin.

Nel 2012 Lo Schlemmer Atlas lo premia con ben 5 cucchiai e, lo stesso anno, ottiene il premio Grigioni dell’anno direttamente dal Cantone Grigioni in Svizzera.

Nel 2018 è al 47esimo posto nella lista The World’s 50 Best Restaurants.

Vita privata


Al di fuori della cucina, Andreas Caminada è un individuo riservato. La sua vita privata è un rifugio dal clamore della sua carriera culinaria. La famiglia e gli amici occupano un posto centrale nella sua vita, contribuendo a mantenere un equilibrio tra la passione per la cucina e la ricchezza delle relazioni personali.

Sappiamo poco della sua famiglia, è sposato dal 2012 con Sara Caminada, con la quale ha due figli. Sappiamo solo il nome di uno dei due, Finn Henry.

Curiosità


  • Adora i cani, ne ha uno e si chiama Ferdinand.
  • Uno dei suoi più grandi sostenitori è suo padre, che da quando è andato in pensione lo aiuta al castello.
  • Uno dei suoi hobby, quando riesce a ritagliarsi del tempo, è l’equitazione.

Riproduzione riservata © 2024 - PC

ultimo aggiornamento: 29-02-2024


Chi è Mory Sacko: il giovane chef che fa sognare la Francia (e il mondo)

Chi è Sara Bellinzona, finalista di Masterchef 13