Chifeletti dolci dalla tradizione carnevalesca triestina

I chifeletti o chifeleti, come si dice nel territorio di origine, sono morbide dolcezze di patate.

chiudi

Caricamento Player...

I chifeletti, detti anche chifelini nella versione dolce, in realtà non sono necessariamente un dessert. La parola deriva dall’austriaco “kipfel” che significa lunetta, cornetto e possono essere fatti anche senza lo zucchero e con più sale e utilizzati come contorno in accompagnamento, per esempio, a carni arrosto o a salumi. Possono anche essere un ottimo primo, utilizzati al posto degli gnocchi, con i quali condividono il tipo di impasto, conditi con un ricco sugo rosso di carne tipo gulash. I chifeletti hanno travalicato il confine e vengono preparati anche in Trentino con le patate di montagna.

DIFFICOLTÀ: 2

COTTURA: 50′

TEMPO DI PREPARAZIONE: 10′

INGREDIENTI CHIFELETTI DOLCI TRIESTINI per 4 persone

  • 1 kg di patate
  • 200 g di farina
  • 100 g di zucchero
  • 2 uova
  • 50 g di burro
  • olio di arachide
  • zucchero a velo
  • cannella in polvere
  • sale q.b.

PREPARAZIONE CHIFELETTI DOLCI TRIESTINI

Fate bollire una pentola d’acqua e lessate le patate per circa 40 minuti a seconda delle dimensioni. Scegliete delle patate medie più o meno uguali fra loro per ottenere una cottura uniforme. Se volete velocizzare la cottura potete utilizzare la pentola a pressione e farle cuocere per 20 minuti dal fischio.

Una volta pronte sbucciate le patate e passatele immediatamente allo schiacciapatate facendole cadere in una terrina. Amalgamate alle patate schiacciate lo zucchero, la farina, il burro sciolto a bagnomaria, le uova e un pizzico di sale, lavorando il tutto energicamente.

Riempite con due dita d’olio una pentola per la frittura e accendete il fuoco. Con l’impasto ottenuto, che sarà molto molle, formate delle minuscole mezzelune o dei bastoncini, che friggerete nell’olio bollente. Per riuscire a lavorare l’impasto è conveniente ungersi le mani. In nessun caso aggiungete farina.

Fate asciugare i chifeletti su carta assorbente e serviteli caldissimi, spolverizzandoli con zucchero a velo mescolato con la cannella in polvere.

Se non volete solo dolci per Carnevale, provate anche questa variante delle solite chiacchiere: “Chiacchiere salate“.