E voi sapete come cucinare i surgelati nel modo più corretto? Ecco tutti i metodi di scongelamento più efficaci.

I prodotti congelati sono molto utili, perché si possono tenere in freezer per tutto il tempo necessario e usarli all’occorrenza. In questo modo, vengono anche evitati sprechi, perché potete conservare ciò che non viene consumato al momento. Tuttavia, bisogna fare attenzione a come cucinare i surgelati, per mantenere la loro qualità.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Come cucinare i surgelati
Come cucinare i surgelati

Come cucinare i surgelati e dove

Innanzitutto, bisogna analizzare le migliori tecniche di scongelamento. Le temperature fredde bloccano la proliferazione dei batteri, per questo gli alimenti vanno scongelati nel modo più corretto e consumati subito dopo. Ricordate che non potete congelare una seconda volta un prodotto che avete già scongelato.

Quando vi serve, potete passare l’alimento congelato in frigo per farlo scongelare. In questo modo, dovete aspettare alcune ore; una volta fatto, però, avrete fino a 48 ore a disposizione per poterlo cucinare. Una tecnica più veloce richiede l’uso del microonde, dopodiché dovete consumare subito l’alimento. In alcuni casi, potete subito cucinare un prodotto, evitando così anche la proliferazione batterica.

Cibi surgelati e congelati, come cucinarli in padella o in forno

Analizziamo prima come cucinare i surgelati in padella. Per usare in modo più immediato un alimento e preservarne la qualità, questo è il metodo più pratico. La cottura deve essere omogenea, su tutti i lati. Che si tratti di verdura, di pesce o di carne, dividete in pezzi il prodotto, in fette o filetti.

A questo punto, sorge un dubbio: forno statico o ventilato per i cibi surgelati? In entrambi i casi, la temperatura ottimale è compresa tra i 150/250°C, a seconda dell’alimento. Ci sono, però, delle differenze; se la cottura in forno statico risulta più delicata, quella in forno ventilato è più veloce e serve a dorare l’esterno delle pietanze. La prima è preferibile per i dolci, mentre la seconda è adatta a cibi salati, così da renderli croccanti all’esterno e umidi all’interno.

In ultimo, capiamo come cucinare i surgelati in microonde. In questo caso, la temperatura e il tempo può variare a seconda dell’alimento. In generale, un cibo coperto, da carta oleata o pellicola, richiede meno tempo e rimane più umido. Per la carne, che è più compatta, si comincia con una cottura a potenza elevata, mentre dolci e frutta richiedono pochi minuti e una bassa potenza.

Cos’è il surgelamento?

Il termine surgelamento indica un processo produttivo che, in Italia, è regolamentato dal decreto n. 110 del 27 gennaio 1992. I cibi surgelati sono quelli tenuti a valori pari o inferiori a – 18 °C, una temperatura che supera la zona di cristallizzazione massima, mantenendo intatto ogni stato del prodotto. Quali sono i prodotti surgelati? Il decreto prevede che la confezione di questi alimenti sia intatta e preservi l’integrità dell’alimento, oltre che a riportare le informazioni circa lo scongelamento e il consumo del contenuto.

A proposito dei cibi surgelati e congelati, sapete come conservarli? Manteneteli a una temperatura costante, che non sia maggiore di – 18°C. Riponeteli in un contenitore con chiusura ermetica o avvolgeteli nella pellicola alimentare. I surgelati acquistati al supermercato, possono rimanere nelle loro confezioni.

Ecco tutti i segreti su come congelare il cibo nei barattoli in vetro.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 28-02-2022


Tipologie di insalata: nomi e varietà

Prodotti monouso per allestire la tavola: Le Nappage approda online con lo shop Artetavola