Riscopriamo un metodo facile ed economico, ovvero come cuocere la pasta senza gas… parola del premio Nobel Parisi!

Caro energia, bollette alte e rincari in ogni campo, la parola d’ordine del prossimo futuro sembra essere: risparmio. Gli italiani si trovano a fare i conti con nuove esigenze e, per questo motivo, occorre inventarsene di tutti i colori per sopperire alle varie spese. Anche in cucina si cerca, sempre di più, di limitare i consumi e non eccedere per non gravare sul risultato finale delle bollette. Se cercate consigli e idee di questo genere, siete nel posto giusto. Nelle ultime ore, su Internet, si stanno diffondendo prove e immagini di come cuocere la pasta senza gas. Un metodo facile e, soprattutto, utile per risparmiare.

10 ricette per tenersi in forma

Pasta senza gas
Pasta senza gas

Cos’è la cottura passiva per risparmiare gas

Questo metodo non è affatto nuovo, anzi. Le nostre nonne e le generazioni precedenti lo usavano già per cuocere la pasta e non solo. Nota come “cottura passiva”, questa tecnica consiste nel cuocere – in pentola – a fuoco spento. Proprio così, anche senza la fiamma possiamo avere il cibo cotto, in tempi uguali e consumando di meno. In tempi recenti, sono tanti gli utenti che diffondono questo e altri metodi per risparmiare in cucina, senza troppe rinunce.

Tra loro vi è il premio Nobel per la fisica, Giorgio Parisi, che condivide la notizia su Facebook. Dopo averci provato, ha deciso di diffondere la sua testimonianza e consigliare questo metodo a tutti.

Come cuocere la pasta senza gas e a fuoco spento

Per preparare un piatto di pasta con questa tecnica, e risparmiare sulla bolletta del gas, dovrete portare a bollore l’acqua, in una pentola e sul fornello accesso. A questo punto, potete immergere la pasta, lasciar bollire per 2 minuti e spegnere il gas. L’acqua rimarrà comunque calda e basterà lasciarla cuocere per il tempo indicato sulla confezione, più un altro minuto; ciò che permette la cottura, infatti, non è il gas ma il calore del liquido.

Che si tratti di un fornello a gas o di uno a induzione, cuocere la pasta a fuoco spento permette sempre di risparmiare gas ed elettricità. A confermarlo sono i Pastai italiani di Unione italiana food, che raccomandano di usare sempre il coperchio; secondo un recente studio, cuocendo con il coperchio si può risparmiare fino al 6% di energia ed emissioni di CO2e (equivalente). La “cottura passiva”, poi, permette un risparmio di energia ed emissioni di CO2e fino al 47%. Inoltre, gli stessi Pastai italiani consigliano di cuocere la pasta con 700 millilitri di acqua invece del classico litro, per consumare meno acqua e meno energia.

Leggi anche: Come fare la pasta risottata in padella: l’avete mai assaggiata?

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 30-09-2022


Gli spaghetti, il simbolo della tradizione gastronomica italiana

Tutto sul… galateo del caffè! Quello che serve durante la giornata internazionale del caffè