Ecco come disinfettare la spesa ai tempi del coronavirus, rispettando le regole di igiene alimentare e prevenzione.

Dall’inizio dell’emergenza coronavirus molte nostre abitudini sono cambiate. A partire dall’utilizzo della mascherina, passando per il distanziamento sociale, fino ad arrivare all’uso sempre più massiccio di gel disinfettanti, sono molti gli accorgimenti utili, volti a limitare la diffusione del virus. Proprio in questo contesto il Ministero della Salute ha fornito alcune indicazioni su come disinfettare la spesa a casa. Entriamo nei dettagli e scopriamo come fare!

Come disinfettare la spesa?

Al fine di contrastare la diffusione del virus è importante prestare attenzione ad alcuni semplici gesti di prevenzione, come, ad esempio, disinfettare la spesa una volta arrivati a casa.

  1. Innanzitutto, bisogna gettare nei rifiuti il sacchetto utilizzato per portare gli alimenti dal supermercato a casa.
  2. Ricordatevi subito dopo di lavare bene frutta e verdura prima di sistemarla in frigo, avendo l’accortezza di sciacquare tutto nuovamente prima del consumo.
Donna che fa la spesa
Donna che fa la spesa

Per quanto riguarda le superfici delle confezioni dei prodotti, in base a quanto si apprende dall’ISS, sembra che il virus possa sopravvivere da qualche ora a qualche giorno. Proprio per questo motivo si consiglia di disinfettare la spesa con alcol; barattoli e lattine vanno lavati con acqua e sapone, mentre le scatole di cartone possono essere pulite con un panno.

L’Istituto Superiore della Sanità, inoltre, ha sottolineato come il COVID-19 si trasmetta attraverso le goccioline o contatto con le mani: il contagio dagli imballaggi è improbabaile, tuttavia non si può escludere l’ipotesi di una contaminazione indiretta.

Come pulire bene le superfici per evitare il contagio

Una volta messa la spesa a posto, bisogna lavare accuratamente le mani e anche le superfici su cui abbiamo poggiato le buste e gli alimenti. A tal fine si consiglia di utilizzare sia disinfettanti a base alcolica sia prodotti a base di cloro, come ad esempio l’ipoclorito di sodio. Tra i prodotti a base di cloro attivo si annoverano la candeggina, o varechina, che in commercio si trova al 5-10% di contenuto di cloro. Non bisogna fare altro che leggere bene l’etichetta del prodotto e diluirlo in acqua nella giusta misura.

I prodotti a base di cloro attivo possono essere utilizzati anche per la pulizia dei pavimenti dove abbiamo appoggiato le buste della spesa. In questo caso è opportuno passare prima un panno inumidito con acqua e sapone per rimuovere lo sporco più superficiale e poi la soluzione con cloro attivo. È bene ricordarsi, inoltre, di arieggiare le stanze sia durante che dopo l’uso dei prodotti per la pulizia.

Scopri i consigli per una casetta di pan di zenzero perfetta

TAG:
consigli alimentari

ultimo aggiornamento: 17-11-2020


Influenza, febbre, raffreddore? Ecco come star meglio con il cibo

4 modi diversi per stuccare i vostri dolci senza fatica