Facile e veloce: ecco come sbucciare e sgranare il melograno alla perfezione (senza schiacciare i chicchi e conservandone tutto il succo)!

La melagrana è un frutto rosso dalle molteplici proprietà e benefici che fa bene all’intero organismo. Tuttavia, a volte, riuscire a sgranare il melograno può risultare difficoltoso per via della sua buccia spessa e dura e dei suoi chicchi fragili. Se vi munite di coltello, piatto, cucchiaio e… un po’ di pazienza potrete imparare a sgranare e sbucciare il melograno senza difficoltà.

Quattro step e un piccolo semplice trucco vi permetteranno di mantenere intatti i chicchi e di non sprecare tutto il prezioso succo. Curiosi? Ecco, allora, come sgranare il melograno senza romperlo con i consigli della nonna!

Chicchi di melograno
Chicchi di melograno

Come pulire il melograno?

Prima di inizire, una curiosità: tecnicamente, il frutto è la melagrana, mentre il melograno è la pianta (anche se viene accettato come termine per indicare anche il frutto).

  1. Il primo step per sgranare un melograno alla perfezione consiste nel fare un’incisione circolare lungo la parte superiore a circa un centimetro. Non incidete troppo in profondità, altrimenti farete uscire il succo. Con la punta del coltello, poi, aiutatevi a rimuovere la calotta superiore.
  2. A questo punto, ecco il secondo step. Fate una seconda incisione in senso verticale lungo tutto il melograno in modo da tagliarlo a metà, quindi fate un’altra incisione per ricavarne quattro spicchi.
  3. Il terzo step è molto semplice: prendete ogni spicchio, e ponetevi sotto una ciotola. Con un cucchiaio di legno date dei colpetti sulla buccia. In questo modo, i chicchi inizieranno a staccarsi dalla membrana interna biancastra che li tieni uniti.
  4. Siccome non tutti i chicchi si staccheranno, ora sarà necessario (e facilissimo) passare al quarto e ultimo step. Con le dita staccate i quei chicchi rimasti attaccati senza schiacciarli. Se restano delle tracce di buccia, passate il tutto velocemente sotto l’acqua fresca.

A questo punto, usateli per preparare un risotto o tutte le nostre ricette con il melograno. Oppure, mangiateli così come sono – subito – per fare il pieno di antiossidanti naturali!

Invece, se volete godervi del succo di melograno, potete procedere in due modi: frullate tutti i chicchi in un mixer e filtrate il tutto, oppure dividete il frutto a metà e spremetelo con l’apposito strumento (come un’arancia).

2 consigli per pulire il melograno

Prima di tagliare il frutto, fatelo roteare con una mano sul tavolo: così tutti i chicchi inizieranno già a staccarsi un po’ e sarà più facile farli uscire in seguito.

Quando effettuate i tagli lungo la buccia, cercate di seguire la scanalatura naturale del frutto (che è già diviso in chicchi, tenuti separati da una membrana bianca): vi semplificherete la vita!

Un metodo alternativo per sgranare la melagrana

Avete già provato questo metodo ma nulla sembra funzionare? Provate ancora questo metodo alternativo!

  1. Prendete una bacinella e tagliate la melagrana in due.
  2. Riempite la bacinella di acqua fredda e immergetevi le due parti. Con un movimento netto, prendete la melagrana dalla parte del guscio e schiacciatela facendo pressione con i pollici su di esso. 
  3. Continuare fino a che non si saranno staccati tutti i semini all’interno. Eliminare la buccia.
  4. Eliminate le parti bianche di buccia, più chiare, che riaffioreranno in superficie e, con una schiumarola, togliete tutta la pellicina rimasta.
  5. Scolate il tutto, magari con l’aiuto di un colino in modo tale da non perdere neanche un chicco.

Il ricettario d’autunno per piatti gustosi e profumati

TAG:
consigli alimentari

ultimo aggiornamento: 27-11-2019


Castagne e marroni: scopriamo come distinguerle

La dieta del riso aiuta a dimagrire senza soffrire la fame: come funziona?