Ingredienti:
• 400 g di farina 00
• 250 ml di acqua
• 1 cucchiaio di olio extravergine d'oliva
• sale q.b.
difficoltà: facile
persone: 6
preparazione: 20 min
cottura: 7 min
kcal porzione: 553

I corzetti genovesi (o croxetti) sono un tipo molto particolare di pasta. Tondi e con disegni particolari in superficie, sono facili da fare in casa con lo stampo giusto.

Esplorando nel repertorio gastronomico italiano, incontriamo la preparazione dei corzetti liguri. Con questo nome si indica un particolare tipo di pasta fatta in casa, tradizionalmente ricondotta alla città di Genova. In realtà, questo prodotto tipico è originario della val Polcevera. La ricetta originale è stata tramandata di generazione in generazione. Talmente semplice, che per crearli basta usare solo tre ingredienti: farina, acqua e olio.

La caratteristica principale è il loro aspetto. Si presentano a forma di dischetto, piatto e circolare, con particolari disegni sulla superficie. Tradizionalmente, i disegni erano sempre diversi, perché non c’era solo uno stampo per corzetti, ma vari. Con questi stampi, si poteva stampare la superficie della pasta. Ad oggi, non è facile trovare lo stesso strumento usato in passato. In sostituzione, potete usare degli stampi qualsiasi, che stampino delle forme sull’impasto, purché non lo taglino.

10 ricette per tenersi in forma

Stampi per corzetti
Stampi per corzetti

Preparazione per la ricetta dei corzetti

  1. Versate l’acqua in un pentolino e scaldatela.
  2. Procedete versando la farina su una spianatoia, a fontana.
  3. Scavate una fossetta al centro e riempitela con un pizzico di sale e l’olio.
  4. Cominciate ad aggiungere l’acqua calda, un po’ alla volta.
  5. Man mano che versate il liquido, impastate con le mani, per avere un composto solido e omogeneo.
  6. Terminata l’acqua, procedete ad impastare più energicamente e date forma a un panetto sodo ed elastico. Solitamente, non ha bisogno di tempo di riposo e potete subito procedere con la forma.
  7. Infarinate la spianatoia e stendete l’impasto con un mattarello, per formare una sfoglia sottile (circa 1 mm).
  8. Se avete lo stampo tradizionale, potete tagliare e stampare in un’unica mossa la pasta a corzetti. Se non lo avete, prendete un coppapasta dal diametro di circa 5 cm. Con questo attrezzo ritagliate tanti piccoli dischetti.
  9. Successivamente, stampate la loro superficie con un altro stampo da decoro.
  10. Man mano che li create, distribuiteli su un vassoio infarinato. Copriteli con un canovaccio e fateli seccare in un luogo fresco e asciutto.

Se siete impazienti di assaggiare un piatto di pasta con questi corzetti, potete cuocerli anche subito. Preparate un buon pesto o una salsa di noci con cui servirli, per ricreare un primo piatto tipico ligure. Fate cuocere la pasta per 7 minuti in abbondante acqua salata, scolate e servite con il condimento.

Conservazione

Per far seccare i corzetti, lasciateli in un luogo fresco e asciutto per 3 giorni. Una volta seccati, potete conservarli in un sacchetto di carta, per 2 settimane.

Se parliamo di pasta fresca, non potete perdere i blecs friulani!

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 31-01-2022


Pasta cavolfiore e pancetta al forno: un primo piatto sfizioso e goloso

Fegatini di pollo fritti: un secondo semplice e sfizioso