Vediamo insieme la cottura confit, cos’è e come funziona. Un efficace metodo che è utile anche per conservare gli alimenti.

Questo metodo per cuocere gli alimenti sta avendo sempre più diffusione, non solo nelle cucine di grandi chef ma anche in quelle di semplici appassionati. Si tratta di un metodo che torna in auge, dopo un lungo periodo in cui è stato messo da parte. Nonostante i suoi tempi un po’ lunghi, risulta efficace per cuocere ma anche per conservare gli alimenti, in modo del tutto naturale. In molti vi starete chiedendo come si fa la cottura confit e cos’è. In questa breve guida, tentiamo di darvi una spiegazione per poterla replicare nelle vostre case.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Cottura confit cos'è
Cottura confit cos’è

Cottura confit: cos’è e tutti i trucchi per realizzarla

Con il termine confit si indica un antico metodo di cottura, il cui nome deriva dal verbo francese “confire”, che significa “conservare”. La tecnica si avvale di tempi abbastanza lunghi e ciò che è essenziale è immergere gli alimenti nel grasso e lasciarli appassire in esso; in questo modo, il grasso forma una sorta di barriera intorno al cibo e impedisce la fuoriuscita dei loro liquidi. Soprattutto per quanto riguarda carne e pesce, aiuta a rendere morbida la consistenza degli alimenti e mantenere intatti i loro sapori e le proprietà nutritive. In larga misura, è usato anche come metodo per conservare più a lungo il cibo; la patina che viene a crearsi, infatti, solidifica e protegge dalla formazione di microrganismi.

Cottura confit: i consigli

Per realizzare questo metodo, dovete immergere l’alimento nell’olio o in un altro ingrediente grasso, che deve essere sciolto. Bisogna, poi, far cuocere a basse temperature, ovvero tra i 40°C e i 140°C, a seconda della consistenza e delle dimensioni del cibo. Solitamente, questa cottura si realizza in forno e prevede l’uso di un recipiente profondo, che preferibilmente deve essere in rame o in acciaio inox.

Un consiglio molto importante riguarda il caso della carne. Se scegliete di cuocere in questo modo tale ingrediente, è bene marinarlo prima di procedere. La marinatura deve avvenire in acqua e sale, in modo da eliminare tutti i liquidi in eccesso.

E, ora, non possono mancare i consigli per fare una cottura alla cieca perfetta.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 16-06-2022


Mai pensato di preparare la riduzione all’aceto balsamico per insaporire le pietanze?

Sapete già cos’è la dieta nordica? Ecco tutte le curiosità