Cucinare la pasta in anticipo e presentarla come se fosse appena cotta è possibile. Vi spieghiamo come farlo attraverso un metodo molto facile.

Capita di non avere molto tempo da dedicare ai fornelli o di voler rientrare a casa e non voler passare troppo tempo tra pentole e mestoli. Tuttavia, un bel piatto di pasta non può mai mancare, che sia per pranzo o per cena. La soluzione al vostro problema è cucinare la pasta in anticipo, senza farla scuocere. Non temete, attuando un piccolo trucchetto riuscirete ad ottenere un risultato come appena fatto, senza il pericolo che la pasta possa risultare scotta.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Cucinare la pasta in anticipo
Cucinare la pasta in anticipo

I migliori trucchi per cucinare la pasta in anticipo

Per conservare in modo ottimale la pasta, dopo averla cotta, avete bisogno di pochi ingredienti. Innanzitutto, procuratevi della pasta di qualità fatta con semola di grano duro. Riempite con acqua fredda una pentola e salatela. Mettetela sul fuoco per portare ad ebollizione il contenuto. A questo punto, immergete la pasta nel recipiente.

Fin qui tutto normale, ma adesso arriva il bello. Dovete cuocere la pasta per la metà del tempo previsto sulla confezione. Appena raggiunta la metà, spegnete il fornello e scolatela. Provvedete subito a posizionarla sotto il getto di acqua fredda, in modo da arrestare la cottura.

A questo punto, il prodotto cotto potrebbe rilasciare l’amido e attaccarsi. Per impedirlo, versatelo in un recipiente e aggiungete un paio di cucchiai di olio extravergine d’oliva. Mescolate e mettete in frigo. In questo modo, potete conservarla anche per 3 giorni! All’occorrenza, mescolatela al condimento e ad un mestolo di acqua bollente. Quando l’acqua evapora, potete servire.

Il metodo del congelamento

Oltre ad anticipare la cottura della pasta, c’è un altro trucco per averla sempre pronta. Per conservare la pasta fresca, specialmente se ripiena, è di congelarla. Una volta preparata, lasciatela riposare per qualche minuto. Distribuitela su un vassoio, infarinato, e mettete in freezer per congelarla, mantenendo ciascun pezzo distante dall’altro. Una volta congelati, potete riunirli in sacchetti. In questo modo, potete conservarla anche fino a 3 mesi.

Volete conoscere il segreto dei grandi chef? Nei ristoranti ci sono dei bollitori specifici e di grandi dimensioni, che aiutano a cuocere notevoli quantità di pasta in dei cestelli appositi. Questi sono dotati di un sistema di ricambio d’acqua continuo, che permette di riciclare l’acqua evaporata con quella aggiunta successivamente. La quantità di sale da aggiungere viene calcolata in base ai litri di acqua usati.

Conoscete già la tecnica della cottura per assorbimento?

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 11-03-2022


Come funziona la cucina a induzione: guida completa con pro e contro

Impariamo a spadellare senza errori!